Il Napoli ritrova Insigne... ma perde se stesso

Il Napoli ritrova Insigne… ma perde se stesso

Per l’attaccante tre gol nelle ultime due partite, dopo un digiuno che durava dallo scorso aprile. I partenopei hanno ritrovato un uomo simbolo, ma sono diventati l’ombra della squadra dello scorso anno

Per una cosa che trovi, c’è sempre qualcosa che lasci indietro.

Il più grande acquisto del Napoli nelle ultime due settimane si chiama Lorenzo Insigne, tre gol in due partite e uno smalto da campione finalmente ritrovato. Il problema è che la rinascita dell’azzurro abbia coinciso con un brusco rallentamento nelle prestazioni del Napoli.

La squadra di Maurizio Sarri ha vinto solo due delle ultime sette partite fra campionato e coppa con Insigne in campo dal primo minuto. Il passaggio agli ottavi di Champions League, che sembrava una formalità dopo i 6 punti ottenuti nelle prime due gare contro Dinamo Kiev e Benfica ora è appeso a un filo: un pareggio in Portogallo potrebbe non bastare se il Besiktas dovesse battere a domicilio la Dinamo.

In campionato la zona Scudetto è diventata un miraggio (-8 dalla Juve); i quattro punti di distacco da Roma e Milan non sono poi così tanti, ma fra Napoli e terzo posto ci sono al momento altre tre squadre (Lazio, Atalanta e Torino) che nell’ultimo mese e mezzo hanno tenuto un ritmo migliore dei partenopei.

Insomma, l’Insigne ritrovato rischia di passare in secondo piano se il suo Napoli dovesse continuare a raccogliere così poco. La vera discriminante per capire le difficoltà degli azzurri resta però l’infortunio di Milik, che continua la sua fase di riabilitazione e che dovrebbe tornare disponibile da febbrario.

Con il polacco nuovamente in campo (4 gol in 7 presenze di Serie A, 3 centri in 2 gare di Champions) e con questo Insigne allora sì che il Napoli potrebbe tornare finalmente a volare alto.

La prossima sfida rappresenterà un test molto significativo, al San Paolo contro l’Inter: i partenopei partono da favoriti con una quota vittoria di 1,75 contro il 4,40 nerazzurro e il 3,70 del pari.

X