Neymar: il fenomeno brasiliano che insidia Messi e Cristiano Ronaldo

Neymar: il fenomeno brasiliano che insidia Messi e Cristiano Ronaldo

Il numero 11 del Barcellona sta giocando un calcio fantastico e, a 23 anni, è più prolifico e decisivo di quanto non lo fossero l’argentino e il portoghese alla sua età

Vuoi vedere che il calcio ha trovato finalmente un erede da presentare alla dicotomia Messi/Ronaldo, Ronaldo/Messi? Si tratta di Neymar da Silva Santos Júnior, semplicemente detto Neymar o – come scritto sulla sua maglietta blaugrana – Neymar Jr.

Probabilmente neanche i tifosi del Barcellona sono riusciti a prendere atto della crescita esponenziale dell’attaccante brasiliano. Quasi impauriti dopo che due mesi fa c’è stato l’infortunio di Messi che lo ha costretto ad un lungo stop, forse non si sono resi conto che al Camp Nou sta sbocciando un fenomeno vero, che a 23 anni ha numeri che né la Pulce né Cristiano Ronaldo avevano alla sua età.

Analizzando un attimo i suoi numeri, si capisce che si sta parlando di un giocatore di un altro pianeta. Innanzitutto, a 23 anni, ha segnato in tutta la carriera finora 183 gol (33 in più di Messi alla sua età e addirittura 65 in più di CR7).

In questa prima parte della Liga, il numero 11 blaugrana ha segnato 12 gol in 11 partite. Ha inoltre sfornato sette assist, il che vuol dire che sui 29 gol totali del Barça, 19 hanno la sua impronta. In Champions League ha segnato 2 gol con 5 assist in 5 partite, sbagliando inoltre un rigore contro la Roma, ma facendo cose come questa:

https://www.youtube.com/watch?v=_HYzfpyVfDg

E’ vero che Neymar gioca nella squadra più forte del mondo (“Ingiocabile”, ha detto Rudi Garcia), ma è vero anche che nessuno a 23 anni è mai stato così decisivo. Statisticamente parlando, il brasiliano nell’ultima Champions League vinta dalla banda di Luis Enrique in finale con la Juventus, ha segnato 9 gol in 11 partite: 6 di questi li ha fatti nei quarti di finale contro il Paris Saint-Germain, nella semifinale contro il Bayern Monaco ed in finale, siglando il definitivo 3 a 1 sui bianconeri.

Stiamo parlando di una macchina di numeri che – stando a una proiezione veritiera – ben presto arriverà ai livelli dei due mostri sacri del calcio odierno, e cioè il suo compagno di squadra Leo Messi e del rivale blancos Cristiano Ronaldo. Già in questa stagione il titolo di Pichichi potrebbe essere suo: Bwin quota O’Ney (in testa con 11 gol) 5/1, contro l’1.60 di CR7 (che insegue a 8 centri) e il 15/1 di Messi (solo 3 reti, ma che però è stato infortunato negli ultimi due mesi).

E sarà interessante vedere anche le valutazioni del Pallone d’Oro. Con il Barcellona che ha vinto il Triplete lo scorso anno è più che logico che sia Leo Messi il favoritissimo per vincerlo; al secondo posto, però, invece che il fenomeno di Setubal, in crisi e intristito con il nuovo tecnico Benitez, potrebbe esserci Neymar. E allora lì ne vedremo delle belle.

X