Pato riparte dal Villarreal

Pato riparte dal Villarreal

Quadriennale per il Papero al Sottomarino Giallo. Che sia la rinascita di uno degli attaccanti più talentuosi e più deludenti del panorama mondiale?

“Ho vissuto a San Paolo, a Londra, a Milano. Ma la cosa più importante è stare con la gente che ti vuole bene”. E via, scroscio di applausi dei tifosi che erano lì, alla presentazione di Alexandre Pato al Villarreal.

Ebbene sì, il Papero riparte dalla Spagna. Dopo la parentesi semestrale con il Chelsea di Hiddink (1 solo gol, su rigore) il centravanti brasiliano ha firmato un quadriennale con il Sottomarino giallo.

Cifre relativamente basse: contratto da 1,5 milioni di euro più bonus fino ad arrivare a un massimo di due. Al Corinthians per il cartellino circa tre milioni di euro, una sorta di buonuscita per la rescissione.

Un dubbioso Pato paulista
Un dubbioso Pato paulista

Pato al Timao era ormai ai minimi storici; praticamente fuori rosa e senza possibilità di ritorno al San Paolo, addirittura il brasiliano era stato scelto da Bielsa per la sua nuova Lazio, ma sappiamo tutti com’è andata a finire. Così, senza squadra, ci ha pensato il Villarreal che cerca nuovi innesti per cercare di qualificarsi in Champions League visto che il ‘sottomarino’ giocherà i preliminari.

La qualità del giocatore non discute. In Italia, attaccanti nemmeno ventenni capaci di avere un impatto tanto devastante si contano sulle dita di una mano, e in fondo il Papero ha solamente 26 anni. Restano – ovviamente – da verificare le condizioni fisiche del Papero, la sua vera croce.

Nell’ultima stagione e mezzo di Milan (diciamo la vera ultima annata a livello di alta competizione) solo 15 presenze e 1 gol, prima della cessione a gennaio 2013 al Corinthians. Negli ultimi sei mesi ancora complicazioni al Chelsea di Hiddink, con un gol su rigore in 15 presenze.

Un sorridente Pato londinese
Un sorridente Pato londinese

C’è da dire, però, che in un ambiente meno mediatico e che “coccola” i suoi calciatori come il Villarreal, Alexandre Pato potrebbe davvero rilanciare la sua carriera. Il brasiliano – parole del presidente Fernando Roig – è stato acquistato per fare tanta strada in Champions League.

Da parte sua il Papero porta nel suo bagaglio quattro stagioni da titolare nella massima competizione europea negli anni milanisti, dove ha collezionato 22 presenze e 6 gol. Nel sistema di Marcelino andrà a unirsi a punte mobili e che amano la profondità, come Soldado e Bakambu.

E chissà che – come spesso ha fatto in carriera – non segni all’esordio anche con la nuova maglia del Sottomarino Giallo. Una vittoria della banda di Marcelino all’esordio in Liga a Granada è bancata a 2.80. Magari sarà “griffata” dal Papero.

X