Juventus-Borussia Monchengladbach: Allegri punta al

Juventus-Borussia Monchengladbach: Allegri punta al “mini-triplete”

I bianconeri cercano la terza vittoria consecutiva in Champions League dopo i pesanti successi con City e Siviglia. Ma serve ritrovare il vero Pogba

Gioie d’Europa, dolori d’Italia. Anche al più distratto degli appassionato di calcio non può essere sfuggito come i cammini di Champions League e Serie A della Juventus stiano procedendo a velocità diverse.

Due sole vittorie nelle prime otto giornate di campionato per la squadra di Allegri, le stesse ottenute in altrettanti impegni di coppa contro avversari di notevole caratura quali Manchester City e Siviglia.

Con sei punti la Juventus guida d’autorità il gruppo D e fra qui e il 3 novembre si giocherà verosimilmente la qualificazione agli ottavi nel doppio impegno contro i tedeschi del Borussia Monchengladbach.

Primo set stasera allo Stadium, con Allegri propenso a riproporre il 3-5-2 che ha pareggiato 0-0 a San Siro contro l’Inter: unica modifica, Dybala dal 1’ al posto di Zaza.

Gli avversari del Borussia hanno vissuto un inizio di campionato addirittura peggiore di quello dei bianconeri, andando addirittura incontro a cinque sconfitte consecutive in apertura di stagione, riscattandosi poi con un poker di successi (fra cui il 2-0 al Wolfsburg e il 5-1 sul campo dell’Eintracht Francoforte) che ha permesso loro di risalire fino al decimo posto in classifica.

Paul Pogba, per lui quest'anno 11 presenze e un gol
Paul Pogba, per lui quest’anno 11 presenze e un gol fra campionato e coppe con la Juventus

Due soli i precedenti, risalenti al secondo turno della Coppa dei Campioni edizione 1975/76: all’andata finì 2-0 in Germania, mentre a Torino i bianconeri non riuscirono ad andare oltre il 2-2 e vennero di fatto estromessi dalla manifestazione.

Vuoi per il fattore Stadium, vuoi per il fatto che il M’gladbach resta la squadra più malleabile del Gruppo D (status corroborato dagli zero punti fin qui ottenuti con un solo gol segnato e cinque subiti), i favori del pronostico non potrebbero che essere tutti dalla parte della Juventus: la vittoria bianconera paga infatti 1,45 e si sale rispettivamente a 4,60 e 7,50 in caso di pareggio o successo ospite.

Tutto facile per Allegri dunque? Sì e no. Il gap di qualità fra le due squadre è significativo, ma la Juve avrà bisogno di riprendere il filo del discorso europeo esattamente da dove l’aveva lasciato due settimane fa, sperando che Morata (primo marcatore @5,25, gol @2,00) continui il suo filotto di marcature, Khedira prosegua il suo percorso di crescita e soprattutto che Pogba (primo marcatore @6,00, gol @2,20) torni ad essere il giocatore determinante delle prime tre stagioni a Torino.

Mancasse anche uno solo di questi tasselli sarebbe un problema, sia per l’immediato sia – soprattutto – per in prospettiva futura.

X