Conte vs. Balotelli:

Conte vs. Balotelli: “Infortunato? Non lo avrei chiamato comunque…”

Il ct della Nazionale in vista delle partite di qualificazione contro Azerbaijan e Norvegia: “Non bastano due partite buone per conquistare la maglia azzurra”

Testa alle partite contro Azerbaijan e Norvegia. Per chiudere il discorso qualificazione e dedicarsi finalmente a preparare – toccando ferro – l’Europeo in Francia della prossima estate.

Antonio Conte ha tanti dubbi. Sono diversi i giocatori che si stanno mettendo in mostra con i loro club – Insigne, Florenzi, Pellè – e tanti che invece stanno rimanendo troppo ai margini per essere convocati – Immobile, Gabbiadini, in un certo senso rischia anche Zaza.

Troppi stranieri? Forse. Ma Conte analizza il problema in maniera lucida: “Lo sanno tutti, ma non deve diventare un alibi. Dobbiamo ottimizzare al meglio il nostro lavoro, restando attenti alle prestazioni di tutti i giocatori”.

Tutti i giocatori, è vero, e dunque anche Mario Balotelli, la cui convocazione in Nazionale manca dal novembre del 2014, quando venne chiamato ma non schierato in campo. Effettivamente l’ultima volta in cui Super Mario ha indossato ufficialmente la casacca azzurra è la debacle mondiale contro l’Uruguay.

Mario Balotelli, un gol da quando è tornato al Milan in estate
Mario Balotelli, un gol da quando è tornato al Milan in estate

Conte, però, ha le idee chiare. Il ct ha puntato soprattutto sul gruppo in questo biennio, preferendo giocatori magari con meno talento, ma con più continuità e predisposizione al sacrificio: “Bisogna seguire un percorso per arrivare in Nazionale, non bastano due partite giocate bene per ritrovare la maglia azzurra”, le parole dell’ex tecnico della Juventus.

E allora Balotelli resta ancora fuori, anche per un problema di pubalgia che lo ha frenato anche nelle ultime settimane, culminato con l’assenza nella gara tra Milan e Napoli: “Ma non lo avrei chiamato comunque – chiarisce Conte -. Ho bisogno di avere certezze, e il discorso vale per lui come per tutti gli altri. Mario deve essere determinato nella ricerca della continuità”.

Insomma, sembra proprio che – a meno di un exploit di Super Mario in questo campionato con la maglia del Milan – non ci sia posto per Balotelli in Nazionale. Una scelta forte, ma del resto Conte è stato scelto e chiamato anche per questo.

X