Brescia-Roma: per le rondinelle è gara da dentro o fuori, Fonseca difende il quinto posto

Brescia-Roma: per le rondinelle è gara da dentro o fuori, Fonseca difende il quinto posto

Brescia-Roma non può essere considerato il match di cartello della 32° giornata di Serie A, ma non per questo la partita è meno importante per entrambe. Le rondinelle devono per forza vincere, se vogliono sperare di avvicinare Genoa e soprattutto Lecce, tenendo aperto il discorso-salvezza nelle ultime 6 partite. Anche la Roma non può permettersi troppi cali di tensione, visto che in palio c’è il 5° posto, che le permetterebbe di qualificarsi all’Europa League senza dover passare dai preliminari. E considerata la lunghezza di questa stagione, e la breve pausa che ci separerà dalla prossima, non è un dettaglio da poco.

Quote del: 9/7/2020

Calcio d’inizio: sabato 11 luglio, ore 19.30

Stadio: Mario Rigamonti, Brescia

Umori opposti, stesso obiettivo: vincere

Brescia e Roma arrivano alla sfida del Rigamonti con due stati d’animo completamente diversi. Le rondinelle speravano di ottenere di più dalla trasferta col Torino, ma dopo essere passate in vantaggio si sono sciolte, lasciando l’intera posta in palio agli uomini di Longo. I giallorossi invece hanno faticato, ma alla fine sono riusciti a piegare il Parma in casa, per 2-1, al termine di un match dove non sono mancate le polemiche: gli ospiti, infatti, si sono lamentati molto per un mani in area della Roma, non sanzionato dall’arbitro.

Ad ogni modo, Brescia e Roma si affronteranno per la 46° volta nella loro storia, con un bilancio nettamente a favore dei giallorossi: 23 vittorie, 13 pareggi e solo 9 sconfitte, con 74 reti segnate dalla Roma e 42 dal Brescia. L’ultima vittoria dei lombardi è datata 22 settembre 2010, quando al Rigamonti i padroni di casa si imposero per 2 reti a 1: gol di Hetemah al 13’, raddoppio di Caracciolo su rigore al 65’ e inutile gol, ancora su rigore, di Borrierllo all’83’. In panchina c’erano Iachini da una parte e Ranieri dall’altra, tecnici che oggi siedono sulla panchina rispettivamente di Fiorentina e Sampdoria.

Diego Lopez dovrebbe abbandonare il 4-4-2 visto a Torino per tornare al suo 4-3-1-2 contro la Roma. Non potendo contare su Balotelli, e con un Ayè fin qui mai decisivo, il tecnico confermerà l’accoppiata Torregrossa-Donnarumma davanti, con Zmrhal nel ruolo di trequartista. Joronen in porta, in difesa potrebbe rientrare dal 1’ Chancellor, mentre a centrocampo non si prescinde dalla regia di Tonali, affiancato da Dessena e Bjarnason.

Nella Roma non ci saranno sicuramente Mkhitaryan, migliore in campo contro il Parma, e Cristante: entrambi sono stati ammoniti ed essendo in diffida non potranno giocare a Brescia. Al loro posto dovrebbero giocare rispettivamente Diawara e Kluivert, con il ritorno al 4-2-3-1 dopo che contro i ducali Fonseca ha proposto la difesa a 3, per ovviare alle numerose assenze. Si torna dunque al duo Mancini-Smalling davanti a Pau Lopez, con Bruno Peres e Kolarov terzini.

Serie A, la classifica

  1. Juventus 75
  2. Lazio 68
  3. Atalanta 66
  4. Inter 64*
  5. Roma 51
  6. Napoli 51
  7. Milan 49
  8. Sassuolo 43
  9. Verona 42*
  10. Bologna 41
  11. Cagliari 40
  12. Parma 39
  13. Fiorentina 35
  14. Torino 34
  15. Sampdoria 32*
  16. Udinese 32
  17. Lecce 28
  18. Genoa 27
  19. Brescia 21
  20. Spal 19*

*una partita in meno

 

Brescia-Roma: le probabili formazioni

Brescia (4-3-1-2): Joronen; Martella, Mateju, Chancellor, Sabelli; Bharnason, Dessena, Tonali, Zmrhal, Donnarumma, Torregrossa

Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Bruno Peres, Smalling, Mancini, Kolarov; Diawara, Veretout; Kluivert, Pellegrini, Under; Dzeko

Brescia-Roma: quote, scommesse, pronostico

Le 2,15, è buona anche per il multigol 2-3.

Quote Brescia-Roma

X