Big Champions League Index: ecco l'algoritmo che ci dice chi sono i migliori giocatori

Big Champions League Index: ecco l’algoritmo che ci dice chi sono i migliori giocatori

Con gli ottavi di Champions League in corso, abbiamo cercato di rispondere a una delle domande più frequenti, riguardo alla più prestigiosa competizione continentale per  club. In poche parole: chi è il miglior giocatore?

La risposta sarà ovviamente differente a seconda di quando viene elaborata e valutata ed è destinata anche a cambiare nel corso degli anni, con il naturale percorso di ascesa e tramonto delle stelle del pallone. Per questa ragione abbiamo progettato un algoritmo che ci permetterà di classificare ciascun giocatore in un punto qualsiasi della sua storia nella competizione.

Abbiamo cercato di mantenere il sistema di punteggio più semplice che sia possibile: ai giocatori vengono assegnati punti in maniera del tutto simile ai fantasy game, al fantacalcio e cose di questo genere: presenze, vittorie, gol, porta inviolata e tutto in rapporto al ruolo ricoperto.

Inoltre, per equilibrare il paragone tra performance passate e presenti, conteggiamo solo i punti ottenuti negli ultimi 5 anni e il valore di tali punti, man mano che passa il tempo, decresce. Infine, in omaggio alla maggiore difficoltà della fase finale della Champions, i punti ottenuti nella fase a eliminazione diretta (dagli ottavi in avanti) vengono raddoppiati.

LA BIG 10 ATTUALE

Avendo vinto la Champions League nelle ultime tre stagioni, è normale che questa classifica sia inflazionata dai giocatori del Real Madrid o che (nel caso di Cristiano Ronaldo) ci hanno giocato a lungo. La cosa più impressionante dei “Blancos” è che ben 9 giocatori hanno giocato titolari in tutte e tre le ultime finali: è un dato senza precedenti, nei 27 anni di storia di questo torneo.

Ad ogni modo, in cima a tutti c’è un uomo che a Madrid non abita più. Il trasferimento di Cristiano Ronaldo alla Juventus l’estate scorsa ha portato alla Serie A il numero 1 del ranking della Champions League, e questo anche se la stragrande maggioranza dei 26.556 punti (conteggio aggiornato alla fine della fase a gruppi di questa stagione) l’ha conquistata altrove.

Dietro a CR7 c’è il suo ex compagno Toni Kroos, che supera di poco il suo ex rivale di Bundesliga Robert Lewandowski (che arrivò al Bayern Monaco dopo la partenza di Kroos, nel 2014). Anche se il bomber polacco non ha più raggiunto la finale da quella tutta tedesca del 2013, la sua incredibile media realizzativa è impossibile da ignorare.

LA BIG 10 DI TUTTI I TEMPI

Abbiamo anche calcolato e classificato il massimo punteggio che ogni giocatore ha ottenuto in qualsiasi punto nella storia della Champions League, per metterli a confronto con i campioni di oggi. L’apice della carriera di Ronaldo, con le tre coppe consecutive vinte, gli ha ovviamente garantito il primo posto anche in questa classifica. Con la scorsa edizione il campione portoghese ha raggiunto un punteggio di 31.332 punti, nettamente davanti al suo eterno rivale Lionel Messi. La stella del Barcellona e della nazionale argentina ha raggiunto un punteggio massimo di 26.226 alla fine della stagione 2011/12. Le alterne fortune del suo club, da lì in avanti, hanno permesso a Ronaldo di passargli davanti.

Al terzo posto c’è un’altra leggenda della Liga come Raul, che raggiunse il suo apice nel 2003 dopo aver vinto 3 delle precedenti 5 finali di Champions League.

Se è vero che i club spagnoli monopolizzano la classifica all time, anche Italia e Germania si fanno notare. Kaka e Seba Rossi – che ha giocato le prime tre finali nella storia della Champions League – rappresentano la Serie A. Per la Bundesliga invece abbiamo il già menzionato Lewandowski e il suo compagno di squadra homas Muller, altra presenza fissa nelle fasi calde della Champions League, nonché vincitore ai danni del polacco quando i rispettivi team si scontrarono nella finale del 2013.

CHI SARANNO LE STELLE DEL FUTURO?

Se è vero che Ronaldo e Messi hanno imperversato nell’ultima decade della Champions League, è altrettanto vero che la carta d’identità inizia a farsi pesante per entrambi.

Dietro di loro due c’ tutta una nuova generazione di calciatori che, presto o tardi, ne prenderà il posto. Abbiamo provato a classificare ogni calciatore dai 23 anni in giù, per capire quali potrebbero essere i futuri dominatori del calcio europeo.

Il giocatore con il più alto punteggio non ha poco meno di 24 anni, ma addirittura a malapena ne ha compiuto 20. Parliamo di Kylian Mbappe del PSG, l’unico giocatore della sua generazione ad avere ottenuto almeno 10mila punti. Il suo compagno di squadra Adrien Rabiot ne è anche il più immediato inseguitore.

Un altro ventenne d’assalto è Trent Alexander-Arnold, una delle sorprese dell’ultima favolosa stagione del Liverpool, culminata con la finale di Champions League. Le sue performance lo collocano davanti ad altre due giovani stelle del Barcellona come Ousmane Dembele e Clement Lenglet, nonostante questi ultimi abbiano alle spalle una stagione di Champions League in più rispetto a lui.

Questa classifica dice molto anche sulle potenzialità future di una corazzata come il Manchester City, che vanta due giocatori in top 10 come Leroy Sane e Gabriel Jesus. Anche Dele Alli del Tottenham porta elementi di Premier League in una classifica alla quale, impossibile non notarlo, manca completamente la Serie A.

Resta nel vivo dell’azione con la app bwin Sports. Immergiti nella sezione scommesse più ricca e varia in circolazione e naviga a fondo nel nostro menu statistico della sezione Calcio per scegliere velocemente le tue scommesse migliori. Scarica ora

X