Gol + assist: Icardi è il top in Europa

Gol + assist: Icardi è il top in Europa

L’attaccante dell’Inter è il migliore nei cinque maggiori campionati europei per somma totale di marcature e passaggi decisivi. La Juventus, prossima avversaria in campionato dei nerazzurri, è avvisata

Vola come una farfalla, pungi come un ape.

L’iconica massima di Muhammad Ali nacque per i ring della boxe, ma potrebbe essere applicata benissimo ad ogni sport, calcio compreso.

Vola per il campo campo creando gioco e smistando palloni preziosi per i compagni, pungi sotto porta non appena ne hai occasione.

La parte dell’ape Mauro Icardi l’ha assimilata molto bene fin dalla sua prima stagione in Serie A, e in questo 2016/17 anche la farfalla è definitivamente sbocciata.

I 15 gol messi a segno dall’argentino nelle prime 22 giornate non stupiscono: il capitano nerazzurro guida la classifica marcatori di Serie A a braccetto con Dzeko e Higuain e a 23 anni chiuderà per il terzo anno fila il campionato con almeno 15 reti a referto.

Gli 8 assist serviti fin qui sono invece una novità assoluta (già eguagliato il suo primato di due anni fa) e danno l’idea della dimensione totale raggiunta dal giocatore e dei suoi margini di crescita ancora enormi.

Egoista. Poco propenso a collaborare con la manovra. Grande finalizzatore, ma troppo di frequente avulso dal gioco di squadra. Partendo dal presupposto che tutte queste critiche nei confronti del numero 9 argentino sono state spesso e volentieri ingenerose (e immotivate), lo score di quest’anno ha definitivamente spazzato ogni possibile dubbio sulla completezza di Icardi, catapultandolo in vetta alla classifica dei migliori attaccanti d’Europa.

BWIN_Mauro_il_generoso

Cavani, Messi, Suarez, Cristiano Ronaldo, Ibrahimovic… Tutti in fila dietro a Maurito, che ha partecipato attivamente a 23 gol della propria squadra in campionato, più di qualsiasi altro attaccante di Serie A, Premier League, Liga, Bundesliga e Ligue 1.

Cavani è quello col bottino maggiore di gol (21), ma non ha fornito nemmeno un assist ai propri compagni. Anche Lacazette, Suarez e Aubameyang hanno segnato più, ma neppure messi insieme arrivano agli 8 assist del nerazzurro. L’unico ad avvicinarsi alle sue cifre è Alexis Sanchez, 15 gol e 7 assist in Premier League con l’Arsenal.

Con un dettaglio in più da non sottovalutare: l’attaccante di Pioli, classe 1993, è il secondo più giovane della classifica che trovate qui sopra, sopravanzando in anzianità il solo Harry Kane per appena cinque mesi.

I detrattori si mettano l’anima in pace: l’Inter è sempre più la squadra di Icardi, e l’argentino è l’uomo simbolo della rinascita dopo i pasticci di inizio stagione con De Boer.

Reduci da 7 vittorie consecutive in campionato, i nerazzurri sono attesi domenica dalla prova del fuoco della Juventus allo Stadium (campioni d’Italia favoriti a 1,62 contro il 5,25 ospite e il 3,75 del pareggio). I bianconeri sono una delle vittime preferite di Maurito, che ha bucato Buffon 7 volte nei 9 precedenti giocati contro la Juve (3 gol ai tempi della Sampdoria, 4 con la maglia dell’Inter, di cui l’ultimo nella gara d’andata).

Il derby d’Italia accenderà i riflettori anche sul confronto interno con il connazionale Gonzalo Higuain – anche lui a quota 15 in classifica marcatori e con una quota di 2,10/1 per il titolo di capocannoniere del campionato contro il 3,50/1 dell’interista.

Traguardi a breve termine: superare Recoba come miglior marcatore straniero nella storia dell’Inter (siamo 69 a 72) e agguantare Attilio Demaria (lontano 14 gol) per entrare nella top 10 dei goleador nerazzurri di ogni epoca.

Ce ne sarebbe anche un altro di obiettivo: quel terzo posto (quota di 4,25/1), lontano ora solo 3 punti, che significherebbe Champions League 2017/18.

Con un Icardi così, tutto è possibile.

X