Desaparecidos: Goran Pandev

Desaparecidos: Goran Pandev

Uno degli eroi del Triplete dell’Inter di Mourinho è finito ai margini nel Genoa quartultimo in classifica. La cessione a gennaio sembra una formalità

Uno degli eroi (l’unico che ancora milita in Serie A) del Triplete di Mourinho è finito tristemente in disparte: si tratta di Goran Pandev, attaccante macedone che il tecnico del Genoa Gianpiero Gasperini non sta assolutamente tenendo in considerazione nonostante una prima parte di stagione sottotono da parte del Grifone.

La punta, ex Lazio e – appunto – Inter, è stato il primo acquisto della nuova stagione rossoblù, prelevato dal Galatasaray già a marzo. Il macedone è stato fortemente voluto da Preziosi, che ne aveva individuato l’erede – in esperienza – di Iago Falquè nel tridente offensivo di Gasperini.

“Sogno la qualificazione in Champions League e un gol nel derby”, aveva esordito Pandev. L’esterno arrivava da un’esperienza al Galatasaray dove aveva collezionato tante panchine, 4 presenze e 0 gol nella Liga turca, a testimonianza del suo evidente e naturale calo fisico e mentale.

L’ultima annata da protagonista (o semi-protagonista), Pandev l’ha vissuta con Rafa Benitez, nel ruolo di vice-Higuain nel suo primo Napoli. 7 gol in 29 presenze, culminate però con la già citata cessione in Turchia.

NAPLES, ITALY - APRIL 13: Goran Pandev of Napoli in action during the Serie A match between SSC Napoli and SS Lazio at Stadio San Paolo on April 13, 2014 in Naples, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)
Goran Pandev con la maglia del Napoli nel 2013-14

Al Genoa Gasperini ne voleva fare una “chioccia” per i giocatori più giovani sbarcati a Marassi, quali Gakpe, Laxalt, Lazovic etc. Ma il macedone, alla terza presenza con la maglia rossoblù, si è fatto espellere proprio contro la Lazio, sua ex squadra. Tre giornate di squalifica “per avere colpito intenzionalmente un calciatore avversario con una violenta gomitata al volto”. Non proprio l’apporto di esperienza e leadership che si attendeva il Grifone.

E allora ecco che Pandev è finito ai margini delle rotazioni di Gasperini. Ad ora, nel girone d’andata, solamente 9 presenze, e solamente due da titolare, ad inizio anno. Il procuratore ha ammesso che non c’è buona aria tra il suo assistito e il club ligure, anche se: “Ad oggi nessuno ci ha imposto un trasferimento”.

Sarà, però l’agente parla anche di un equivoco “tattico”: “Il Genoa ha scoperto di aver bisogno di una punta centrale e Pandev non lo è mai stato, ci sono possibilità di addio”. Si parla di Bologna (ma Donadoni è poco convinto sull’integrità del macedone) o di una possibile cessione al Mallorca. Per l’ultimo reduce in Serie A del “Triplete” di Mourinho.

X