Pronostici qualificazioni Mondiali 2022: i consigli sulle gare dell'11 ottobre

Pronostici qualificazioni Mondiali 2022: i consigli sulle gare dell’11 ottobre

Il Mondiale 2022 si avvicina e con esso la fine dei gironi di qualificazione della zona europea. Con il ricordo di Euro 2020 ancora fresco e la fase finale della seconda edizione della Nations League che ha coinvolto quattro delle nazionali più forti del pianeta, il calendario stravolto causa pandemia di Coronavirus impone ritmi serrati. Il 14 novembre si conosceranno i nomi delle prime dieci qualificate, ma intanto gli incroci dell’ottava giornata presentano partite potenzialmente già decisive.

Pronostici Qualificazioni Mondiali 2022, le gare dell’11 ottobre

Quart’ultima giornata per i dieci raggruppamenti della zona europea di qualificazione a Qatar 2022. A poco più di un anno dalla partita inaugurale della rassegna iridata si stanno per conoscere i nomi delle prime 10 formazioni sul totale di 13 che rappresenteranno il Vecchio Continente nel primo Mondiale autunno-invernale della storia. Solo quattro gironi sembrano già orientati, con Belgio, Francia, Italia e Danimarca ad un passo dalla qualificazione. Anche la Germania sta per tagliare il traguardo, mentre in quasi tutti gli altri gruppi regna l’incertezza, ed è su soprattutto su questi che si concentrano i bettor e i seguaci delle scommesse sul calcio live. Nel nostro multiplo focalizziamo l’attenzione su tre dei gruppi più equilibrati e in particolare su due sfide dove si respirerà l’aria di spareggio anticipato.

Norvegia-Montenegro

Ullevaal Stadion (Oslo) – lunedì 11 ottobre, ore 20.45

Partita cruciale per la Norvegia, che dopo il pareggio contro la Turchia nell’incontro disputato venerdì è scivolata dal primo posto in coabitazione con l’Olanda al secondo della classifica del Gruppo G di qualificazione a Qatar 2022. Per Haaland e compagni il punto ottenuto a Istanbul è stato comunque fondamentale in chiave secondo posto, ma per mantenere la posizione che garantisce gli spareggi la Norvegia rischia di dover fare nove punti nelle ultime tre partite alla luce di un calendario più impegnativo rispetto ai turchi, staccati di soli 2 punti. Il tutto senza poter considerare fuori dai giochi il Montenegro, quarto a -3 dalla Norvegia. Gli scandinavi hanno ottenuto un solo successo nelle prime tre gare casalinghe del girone, contro Gibilterra, con tripletta di Haaland: il centravanti del Borussia Dortmund ha finora siglato “solo” cinque gol nelle partite di qualificazione ed è motivatissimo anche dall’obiettivo di scalare la classifica marcatori. Puntiamo sulla vittoria dei padroni di casa.

1 HANDICAP 0:1 @ 2,55

Slovenia-Russia

Stadion Ljudski vrt (Maribor) – lunedì 11 ottobre, ore 20.45

Salita al terzo posto grazie alla vittoria di sabato contro Malta e al contemporaneo ko della Slovacchia contro i russi, la Slovenia non ha alternative alla vittoria per iniziare ad erodere il gap di sei punti che la divide dalla coppia di testa formata dalla stessa Russia e dalla Croazia. Ilicic e compagni dovranno fare bottino pieno nelle ultime partite contro Slovacchia e Cipro per poi sperare che le capolista si tolgano punti nello scontro diretto in programma all’ultima giornata. Missione comunque difficile considerando che la Russia sembra aver cambiato marcia dopo il cambio della guardia in panchina avvenuto al termine del fallimentare Euro 2020, quando Stanislav Cherchesov ha ceduto il posto a Valerij Karpin: le prime quattro partite sotto la nuova gestione hanno fruttato dieci punti, compreso quello nello scontro diretto contro la Croazia, quindi la Russia sarà motivatissima per portare a casa il massimo e assicurarsi quantomeno un posto negli spareggi per poi giocarsi tutto all’ultima giornata a Zagabria. Le quote sui Mondiali di calcio ci suggeriscono di puntare su una vittoria della Russia al termine di una partita equilibrata con poche reti.

2 + UNDER 3,5 @ 3,40

Romania-Armenia

Arena Nationala (Bucarest) – lunedì 11 ottobre, ore 20.45

Dopo lo scivolone di marzo contro la Macedonia del Nord, la Germania ha cambiato marcia archiviando virtualmente la questione primo posto del Gruppo J, complice la svolta impressa dalla nuova gestione di Hansi Flick, ma anche grazie alla flessione subita dalla rivelazione Armenia, travolta 6-0 a Stoccarda a inizio settembre e poi bloccata in casa dal Liechtenstein. La squadra del ct Caparros ha confermato il momento di appannamento con il pareggio in Islanda e vede in pericolo anche il secondo posto. La corsa è a tre: Mkhitaryan e compagni sono stati agganciati dalla Macedonia del Nord a quota 12 punti, con la Romania a -2. Quella di Bucarest sarà l’ultima trasferta per l’Armenia, che poi chiuderà affrontando in casa Macedonia e Germania. Prevediamo una partita incerta con poche reti.

GOAL @ 1,95

Crediti Immagine: Getty Images

X