Yokary Liga, come funziona il campionato del Turkmenistan: storia e curiosità

Yokary Liga, come funziona il campionato del Turkmenistan: storia e curiosità

La Yokary Liga, il campionato del Turkmenistan, nasce nel 1992 in seguito alla dissoluzione dell’Unione Sovietica e all’indipendenza del Paese e complice la situazione attuale dello sport a livello planetario ha la possibilità oggi di essere sotto la luce dei riflettori. Un’occasione per mettersi in mostra per un movimento calcistico che si trova nell’estrema periferia dell’Impero del pallone.

Iniziato lo scorso 6 marzo e sospeso in via precauzionale dopo tre giornate, il campionato di calcio turkmeno è ricominciato lo scorso weekend dopo meno di un mese di stop con il pareggio per 1-1 tra quelle che possiamo considerare le due squadre “storiche” del Paese: parliamo del Kopetdag Asgabat e dell’Altyn Asyr, i club che hanno dominato rispettivamente i primi e gli ultimi anni di un torneo che sicuramente non è tra i più competitivi al mondo.

Se il Turkmenistan occupa infatti il 129esimo posto nel ranking FIFA per le Nazionali, la Yokary Liga si piazza al 17esimo posto in quello della AFC che classifica i vari campionati asiatici, esattamente tra le ben più rinomata A-League australiana e la Premier League di Singapore: un risultato comunque non disprezzabile per un Paese con meno di 6 milioni di abitanti e che non ha mai avuto guizzi degni di nota a livello calcistico nel lungo periodo in cui ha fatto parte dell’Unione Sovietica.

Yokary Liga: storia e principali top club

Il calcio è comunque lo sport nazionale in Turkmenistan, apprezzato e praticato già a partire dagli anni ’20: nel periodo in cui hanno fatto parte del sistema calcistico sovietico, nessun club locale è mai riuscito ad arrivare a giocare nel massimo campionato. In questo periodo il miglior piazzamento di una squadra turkmena è stato il 9° posto in seconda serie ottenuto dal Kopetdag Asgabat nel 1976.

Proprio questo storico club – allenato tra l’altro da quel Valery Nepomnyashchy che nel 1990 avrebbe sorpreso il mondo guidando il Camerun fino ai quarti di finale dei Mondiali di calcio in Italia – ha dominato le prime edizioni della Yokary Liga, conquistando 6 titoli tra il 1992 e il 2000 prima di entrare in una crisi finanziaria che ha portato allo scioglimento nel 2008 e alla rinascita nel 2015 sotto l’egidia del Ministero degli Interni nazionale.

Il Kopetdag è uno dei tanti club di Asgabat, capitale che calcisticamente ha sempre guidato il calcio del Turkmenistan, e per anni ha rappresentato quasi interamente la Nazionale. Un ruolo che negli ultimi anni è stato invece ricoperto dall’Altyn Asyr, sorto nel 2008 e che dal 2014, anno del primo successo, ha vinto per cinque volte di fila il campionato resistendo al ritorno sulla scena degli storici rivali. Altra squadra degna di nota è l’Ahal, 4 volte secondo nelle ultime 6 edizioni e al momento primo in classifica a punteggio pieno con 3 vittorie ottenute su 3 gare disputate. Attenzione anche al Nebitci, al momento in fase di involuzione ma capace nella sua storia di ottenere 4 titoli e ben 9 secondi posti.

Campionato del Turkmenistan, formula e albo d’oro

La Yokary Liga ha cadenza annuale e va in scena tra la primavera e l’autunno, generalmente da marzo a ottobre o da aprile a novembre. Nella sua prima edizione prevedeva la partecipazione di 14 squadre, scese negli anni fino alle 8 attuali per motivazioni principalmente economiche: chi vince ottiene il titolo di campione del Turkmenistan e un posto nella fase a gironi della Champions League asiatica, mentre il secondo si guadagna la possibilità di accedere alla competizione tramite i playoff. L’ultima retrocede nella Birinji liga, che prevede la partecipazione di 30 squadre divise su base provinciale.

Le 8 squadre partecipanti si sfidano in due gironi completi di andata e ritorno, per un totale di 112 gare spalmate su 28 giornate, e l’albo d’oro vede prime a pari merito Kopetdag e Altyn Asyr con 6 titoli vinti. Alle spalle di quelle che possiamo considerare come le due big del calcio locale ecco a quota 4 Nebitci, Nisa Asgabat e HTTU Asgabat, quest’ultima rappresentante l’Università Internazionale turkmeno-turca e da anni serbatoio per i migliori giovani del Paese. Alle spalle del FC Asgabat, due volte campione nazionale, chiude il Sagadam vincitore nel 2002 e secondo l’anno scorso ma che al momento occupa l’ultima piazza dopo 4 giornate con appena 2 punti.

Yokary Liga, su cosa scommettere?

Nelle scommesse sul calcio la Yokary Liga del Turkmenistan può riservare spunti estremamente interessanti per gli appassionati, dato che parliamo di un torneo sicuramente non di primo piano da un punto di vista tecnico ma che soprattutto nella stagione in corso sembra estremamente equilibrato. Scordatevi piogge di gol, dato che almeno nelle prime 15 gare di questo torneo sono stati segnate appena 22 reti, con una media di appena 1,4 a partita abbastanza indicativo di come l’incertezza la faccia da padrona.

Certo Altyn Asyr, Kopetdag e Ahal sembrano avere una marcia in più, ma i valori tecnici tra gli 8 club che prendono parte al torneo non sembrano troppo distanti tra loro: emozioni e incertezza sono di casa in quello che è un calcio sicuramente diverso e lontano dai campionati top al mondo ma che merita comunque rispetto e attenzione.

X