Carlos Sainz, chi è il pilota che guiderà la Ferrari dal 2021: carriera, record e curiosità

Carlos Sainz, chi è il pilota che guiderà la Ferrari dal 2021: carriera, record e curiosità

Carlos Sainz ha firmato con la Ferrari e si è scatenata l’euforia dei tifosi della Rossa: l’ingaggio del pilota spagnolo complessivamente è stato accolto molto positivamente. In questo articolo andiamo a scoprire insieme chi è, che percorso ha fatto prima di arrivare in Formula 1 e che tipo di carriera ha avuto in F1, oltre a toglierci la curiosità su quanto guadagna (e guadagnerà) tra McLaren e Ferrari.

Sainz-Leclerc, una coppia da record per la Ferrari

È arrivato l’annuncio ed il suo nome è già diventato caldissimo: Carlos Sainz Jr porterà a termine la stagione 2020 (che peraltro deve ancora cominciare) e poi si accaserà a Maranello, andando a formare, con Charles Leclerc, la coppia più giovane di sempre alla guida della Ferrari: 22 anni il monegasco, 26 lo spagnolo, rendendo molto suggestiva la coppia dei due Carletto al volante della Rossa. L’iberico è il terzo spagnolo della storia, dopo Alfonso De Portago (5 Gran Premi) e, ovviamente, Fernando Alonso (96). Dalla prossima stagione, Sainz sarà ovviamente tra gli osservati speciali nelle quote sulla Formula 1.

Chi è Carlos Sainz

Carlos Sainz Vazquez de Castro, più comunemente noto come Carlos Sainz Jr, nasce a Madrid il 1° settembre 1994. Figlio d’arte, del tanto grande quanto celebre Carlos Sainz, due volte campione del mondo di Rally (e considerato uno dei migliori di sempre), ha ereditato la passione per la guida proprio da suo padre. “Volevo essere un pilota. Volevo essere come lui” ha dichiarato in passato, quando spiegava la motivazione che lo ha spinto al volante dei kart.

Sì, perché Carlos ha iniziato, come tanti altri piloti, proprio dai kart, per poi salire di categoria e mettere in luce il proprio talento. Il suo cognome non gli ha reso la vita semplice, come si può superficialmente arrivare a pensare: le pressioni e le aspettative che si porta dietro un figlio d’arte di questo calibro sono tantissime, ma lui ha sempre risposto presente con un talento cristallino e costante. Fino ad arrivare, 20enne, in Formula 1, facente parte della famiglia Red Bull.

Carlos Sainz prima del debutto in F1

Prima di debuttare in Formula 1, Carlos Sainz ha esordito sui kart nel 2005, dove ha gareggiato fino al 2009. Proprio in quell’anno si è aggiudicato la Monaco Kart Cup.

Nel 2010 è entrato a far parte del Red Bull Junior Team e ha partecipato al campionato europeo di Formula BMW con una vettura del team Euro International. Per lui una vittoria nel Gran Premio di Macao e il titolo di Rookie Cup.

Il 2011, invece, lo ha visto vincere la Northern European Cup della Formula Renault 2.0 e classificarsi 2° alla Eurocup. Le abilità al volante del figlio d’arte spagnolo si stavano plasmando sempre di più, arrivando ad attrarre l’interesse dei più attenti addetti ai lavori.

Nel 2012, invece, il passaggio alla Formula 3. Vince 4 gare nel campionato britannico e conquista il 6° posto finale in classifica generale. Nel campionato europeo della stessa Formula ha ottenuto invece un ottimo 5° posto generale. Nella Formula 3 Euro Series, infine, ha ottenuto un 9° posto in classifica generale.

Il 2013 è stato un anno molto importante per Carlos Sainz. Lo spagnolo ha corso nel campionato di GP3, ottenendo due podi e un 10° posto in classifica generale, ma non è quello il maggior highlight dell’anno. Il ragazzo inizia a prender parte ai test di Silverstone, al volante sia della Toro Rosso che della Red Bull. Un assaggio di F1 che lasciava lecitamente pensare che il meglio dovesse ancora venire.

Nel 2014, al volante della DAMS, ha vinto la Formula Renault 3.5 Series e il titolo di campione della categoria. Nel novembre dello stesso anno ha partecipato ancora ai test di Abu Dhabi alla guida della Red Bull RB10. Una crescita continua e costante, alla quale il team austriaco ha assistito senza aggiungere troppa pressione e senza addossargli responsabilità più grandi di quel che il ragazzo ha sempre vissuto di suo. Il 28 novembre 2014, infine, è stato annunciato il suo ingaggio da parte della Red Bull nel team satellite della Toro Rosso, di cui avrebbe fatto parte dalla stagione successiva.

La carriera in Formula 1

Toro Rosso

Iniziata nel 2015 la sua carriera da pilota di Formula 1, alla guida della Toro Rosso, il pilota spagnolo si ritrova subito compagno di scuderia di Max Verstappen, forse il talento più puro e cristallino del circus. La stagione lo vede andare subito a punti, con un 9° posto in Australia. Tuttavia saranno molti i ritiri durante la stagione, che finisce con un 15° posto a quota 18 punti.

Il 2016 vede il pilota spagnolo partire discretamente, tra cui un 6°, un 8° e un 9° posto in Spagna, Montecarlo e Canada. Riesce a migliorare il proprio score stagionale trovando una maggior continuità prestazionale (4 i ritiri, contro i 7 dell’anno precedente) e chiude il campionato al 12° posto, con 46 punti.

Renault

Nel 2017 Sainz comincia la stagione a bordo della sua Toro Rosso, con la quale ottiene diversi piazzamenti importanti (tra cui un 4° posto a Singapore). A inizio ottobre, però, viene annunciato il suo passaggio alla Renault, che diventa effettivo da subito. Con 4 Gran Premi ancora da disputare, Sainz lascia la Toro Rosso dopo aver totalizzato 48 punti in classifica generale. Chiude la stagione al 9° posto, a quota 54.

Il 2018 per Carlos Sainz è stato l’unico anno che non lo ha visto migliorarsi dal punto di vista della classifica generale. La monoposto della casa francese non è mai stata competitiva come si sperava all’inizio, ma lo spagnolo si è fatto notare in diverse occasioni per la sua abilità al volante. I migliori piazzamenti restano quelli di Azerbaijan (5°) e Abu Dhabi (6°). Chiude la stagione al 10° posto, a 53 punti.

McLaren

Il 2019 ha visto il pilota spagnolo approdare in McLaren, il cui ingaggio è stato annunciato già nella pausa estiva della stagione precedente. Proprio nel team di Woking lo spagnolo si è messo ancor di più in mostra. Solido e continuo, il figlio d’arte di casa Sainz ha conquistato il primo podio della sua carriera dopo una rimonta spettacolare in Brasile, che lo ha visto partire 20° e terminare 3°. La grande impresa è maturata anche grazie ad una squalifica di 5 secondi inflitta a Lewis Hamilton. Il pilota madrileno termina la stagione al 6° posto in classifica generale dietro a Lewis Hamilton, Valtteri Bottas, Max Verstappen, Charles Leclerc e Sebastian Vettel. Con ben 96 punti è lui, il primo degli “altri”.

Quanto guadagna Carlos Sainz: ecco lo stipendio in Ferrari

L’ingaggio di Carlos Sainz, che sostituirà Sebastian Vettel alla guida della Ferrari, non è soltanto congeniale dal punto di vista del progetto tecnico. Lo spagnolo si accaserà a Maranello partendo, nelle gerarchie della Rossa, quale fido scudiero di Charles Leclerc, ma il suo arrivo rappresenta anche un ottimo investimento per il futuro. 26 anni da compiere a settembre e tanto talento già messo in mostra costituiscono un’ottima premessa per gli anni a venire del Cavallino. Inoltre l’ingaggio di Sebastian Vettel, che ha deluso le aspettative riposte su di lui nonostante fosse sempre tra i favoriti nelle scommesse sportive sul mondiale piloti, pesava nelle casse della Ferrari per ben 40 milioni di euro (netti). Stando alle indiscrezioni più affidabili, quello del pilota spagnolo che arriverà a Maranello terminata la stagione 2020, invece, sarà di 7 milioni netti. Un bel salto per Sainz, che dai 4 milioni percepiti dalla McLaren trova quasi un raddoppio. Ma al contempo si tratta di un considerevole risparmio per la Rossa che, avendo deciso di puntare su Leclerc, vedeva pesare molto a bilancio il mantenimento delle prestazioni sportive del tedesco 4 volte campione del mondo.

Carlos Sainz, fidanzata e vita privata

Sempre sotto i riflettori a causa del suo lavoro, per quel che concerne della sua vita privata Carlos Sainz preferisce tenere un profilo basso. Trapela molto poco sulla sua storia d’amore con Isabel Hernaez Fuster, una ragazza della sua età che studia giornalista e fa la speaker radiofonica. Sicuramente, con l’inizio della sua avventura in Ferrari, verranno fuori ulteriori dettagli anche su di lei.

X