I 5 gol più belli nella storia degli Europei di Calcio

I 5 gol più belli nella storia degli Europei di calcio

Il rapporto affettivo con i gol è qualcosa di personale, che attiene alla storia di ciascuno di noi. Però esistono anche dei canoni oggettivi, di bellezza e importanza, che rendono alcune reti “più indimenticabili” di altre. Ecco allora una nostra classifica dei gol più belli mai segnati nella storia degli Europei di calcio.

Da Anastasi a Van Basten, passando per Schick: gli EURO-GOL più belli di sempre

Cinque video per altrettante perle entrate nella storia del calcio. SPOILER: Sì, il gol “alla Maradona” di Patrick Schick segnato in Scozia-Repubblica Ceca degli Europei 2021 è tra quelli che abbiamo scelto.

Van Basten, la classe che non tramonta mai

Quando il vecchio Arnold Mühren scagliò quello spiovente dalla tre quarti di sinistra, nulla lasciava immaginare cosa stava per succedere. Per quanto già stella in carriera, Marco Van Basten appariva davvero troppo decentrato per costituire un pericolo immediato. Questo per il 99,9% degli esseri umani, ovvero quelli che non pensano oltre, che non azzardano magari per la paura di sbagliare. Il “Cigno di Utrecht” invece decise che no, lui ci avrebbe provato, a fare qualcosa che si impiega molto di più a descrivere che a realizzare. Con la palla ancora in volo, Marco inizia a coordinarsi per una volée che nessuno si aspetta, nemmeno il fortissimo portiere Rinat Dasaev. Alcuni microistanti dopo l’opera d’arte prende improvvisamente forma, diventando immediatamente un’icona del calcio moderno, alla stregua del famoso slalom di Maradona.

Balotelli e il talento sprecato

La parabola di Mario Balotelli è emblematica di come si possa scientificamente sprecare un enorme talento. Riguardare oggi quella semifinale con la Germania evidenzia in maniera clamorosa tale spreco. L’Italia di Prandelli era arrivata a quell’appuntamento da netta sfavorita in tutte le scommesse sul calcio, poiché aveva ancora qualche residuo della squadra campione del mondo ma sostanzialmente era in ricostruzione intorno a giovani talenti come quello di Mario Balotelli. Dall’altra parte c’era una Mannschaft che aveva già l’ossatura di quella squadra che due anni dopo avrebbe fatto un sol boccone del Mondiale in Brasile. Eppure quel giorno si dovette inchinare allo strapotere, fisico e tecnico, di SuperMario.

Anastasi e il gol da centravanti

Pietro Anastasi non è forse l’attaccante più forte nella storia del calcio italiano, ma uno dei più forti sì. E anche uno dei più completi, sicuramente. Il fantastico stop ad alzare leggermente la palla e la rasoiata da fuori area su cui Pantelic non può nulla sono una sintesi perfetta dell’attaccante che è stato il campione siciliano, uno dei pochi a vestire le maglie di Juve e Inter e aver lasciato un favoloso ricordo in entrambe le tifoserie.

Torres, un “Niño” d’annata

Nella nostra guida alle scommesse sui marcatori descriviamo tecniche e strategie per individuare i calciatori su cui puntare. Quando Fernando Torres era “El Niño”, non c’erano tanti discorsi da fare: bastava guardarlo in azione per capire che poteva far nascere un gol da ogni minima occasione che gli capitasse. L’1-0 siglato contro l’Irlanda a Euro 2012 è una fantastica sintesi di questo suo talento da opportunista, dotato di tecnica, potenza e velocità come pochi altri nella storia del calcio. Peccato che la sua stella non sia durata moltissimo al suo massimo fulgore, altrimenti avrebbe scritto molti altri capitoli indimenticabili.

Schick, dal nulla alla top 5 dei gol più belli nella storia degli Europei

Entrare in una top 5 “all time” non è semplice, ma se riesci a farlo dopo nemmeno due settimane dal gol realizzato allora vuol dire che l’hai fatta veramente grossa. Mentre scriviamo la Repubblica Ceca è ancora in corsa nelle scommesse su Euro 2020, trascinata ai quarti di finale anche e soprattutto dai gol di Patrick Schick. L’ex romanista, nella prima partita del gruppo E, aveva avuto già il merito di “pensare” un gol del genere, riuscendo poi anche a realizzarlo. Un gol di quelli che mettono le ali, e così è stato per la perla di Schick contro la Repubblica Ceca, galvanizzata dalla prodezza del suo uomo più talentuoso.

Crediti Immagine: Getty Images

X