Quote capocannoniere Serie A: CR7 doppietta scacciacrisi, chi lo prende più?

Quote capocannoniere Serie A: CR7 doppietta scacciacrisi, chi lo prende più?

Quote del: 4/5/2021

La corsa al trono di re dei bomber in Serie A volge verso il termine. Difficilmente qualcuno riuscirà a far meglio di quel Ciro Immobile che nello scorso campionato ha eguagliato il record di 36 gol siglato da Gonzalo Higuain nel 2015/16, anche se ancora tutto è possibile. Secondo le quote sul capocannoniere della Serie A, di cui ogni settimana andiamo a indagare i protagonisti, la questione appare ristretta ai nomi di Cristiano Ronaldo e Romelu Lukaku, anche se vanno considerati sempre Luis Muriel e il caldissimo Simy del Crotone. Analizziamo numeri, statistiche e chance di favoriti e sorprese.

Quote capocannoniere Serie A: la situazione aggiornata alla fine della giornata n. 34

CR7 sembra ancora in crisi, per 80 minuti ha vagato per il campo senza incidere. Poi, ecco i due lampi che hanno deciso l’importantissimo successo in rimonta sull’Udinese, una doppietta che probabilmente lo rende intangibile per chiunque. Lukaku è il rivale più vicino ma ultimamente si è sacrificato moltissimo per la squadra, con l’ovvio obiettivo (raggiunto) di mettere al sicuro lo scudetto. Ora il belga potrebbe provare a riavvicinare CR7, ma è probabile anche che Conte dia spazio a qualche seconda linea nelle gare rimanenti. Si raffreddano invece Muriel e Simy, gli altri due inseguitori in classifica. Ecco in sintesi la situazione dei candidati al trono di re dei bomber, comprensiva delle relative quote di capocannoniere Serie A:

 

Giocatore Gol Presenze Quota
C. Ronaldo 27 30 1,02
R. Lukaku 21 33 9,00
L. Muriel 19 32 81,00
N. Simy 19 34 101,00

Chi sono i favoriti per il titolo di Capocannoniere della Serie A 2020/21

Vediamo adesso nel dettaglio quale è la situazione relativa ai principali candidati al titolo di re dei bomber della Serie A: quanto tirano in porta, quanto sono precisi, situazione infortuni eccetera.

Cristiano Ronaldo – quota @1,02 (27 gol)

Cristiano rompe uno dei digiuni più lunghi della sua carriera, con una doppietta che vale davvero oro. Preoccupa la mole di occasioni anche banali che Cristiano sta mancando, cosa assolutamente non da lui. Preoccupa anche la sua condizione fisica, anche se alla fine è riuscito a piazzare due zampate decisive. In fin dei conti si sapeva che per mettere in banca la qualificazione alla prossima Champions la Juve non può fare a meno di lui.

Al momento le reti di CR7 sono così suddivise: 15 di destro, 5 di sinistro e 7 di testa. Sei i rigori segnati, uno quello fallito. Cristiano finora ha segnato sempre da dentro l’area di rigore, tranne in una occasione. Notevole il numero di conclusioni, 148, 73 delle quali hanno centrato la porta (49,3%). CR7 trasforma mediamente un gol ogni 2,7 tiri in porta.

Romelu Lukaku – quota @9,00 (21 gol)

Big Rom si concede un’altra giornata di riposo da gol e assist, ma trova comunque il modo di rendersi utile con una nuova prestazione tutta sacrificio contro il Crotone. Del resto non è un segreto che se l’Inter ha scavato un solco ormai incolmabile con le rivali nelle quote sul vincente della Serie A, lo si deve in buonissima parte ai gol (e agli assist) del centravanti belga. Per Lukaku rimangono 21 i gol segnati in 33 presenze: superata quindi quota 20 per la seconda volta in due stagioni trascorse in Serie A. Anche Big Rom, come CR7, ha segnato quasi tutti i suoi gol (tranne uno) all’interno dell’area, compresi i 5 calci di rigore trasformati. Lukaku predilige ovviamente il sinistro (14 gol) rispetto al destro (6), mentre uno solo è il gol di testa. Rimangono ottimi sia il rapporto fra tiri totali e tiri in porta, centrata il 61,7% delle volte (50 su 81), sia quello tra tiri in porta e gol: all’ex Manchester United servono mediamente 2,38 tiri in porta per segnare una rete.

Luis Muriel – quota 67,00 (19 gol)

Attaccante particolare, e per lunghi tratti della carriera decisamente umorale, da quando è arrivato all’Atalanta Luis Muriel si è trasformato in una sorta di cecchino. Nel suo primo campionato in maglia nerazzurra, quello 2019/20, ha segnato 18 gol in 1244 minuti di impiego. Tradotto significa un gol ogni 69 minuti circa, una frequenza enorme per qualsiasi attaccante. Nel caso qualcuno pensasse si sia trattata di un’annata fortunata, nella stagione in corso il colombiano sta facendo ancora meglio: al momento 19 gol (2 rigori) in 1279 minuti trascorsi in campo. Sì, avete letto bene: sono 1 gol ogni 67,3 minuti di impiego. Il bottino non è stato rimpinguato per via del calcio di rigore fallito contro il Sassuolo, il primo della sua stagione.

Muriel segna prevalentemente di destro (13) ma non disdegna il sinistro (6), mentre il colpo di testa non è evidentemente la specialità della casa. Sedici gol su 19 li ha realizzati in area, contro tre da fuori area che comunque è la cifra più alta fra i primi in classifica. I numeri di Luis Muriel sono straordinari anche sotto l’aspetto della precisione. Se infatti il rapporto fra tiri in porta e tiri totali è abbastanza nella norma (38 su 75 per il 50,6%), a Muriel bastano 2 tiri in porta di media per realizzare un gol.

Nwanko Simy – quota 101,00 (19 gol)

Nonostante l’ultimo posto solitario in classifica, il Crotone ha prodotto quest’anno un cannoniere con i fiocchi grazie all’esplosione di Nwanko Simy. Il 28enne nigeriano è letteralmente esploso nell’ultimo periodo con 12 gol nelle ultime 10 partite. Il suo totale è così giunto a 19 gol in 34 presenze. Le segnature di Simy sono state quasi tutte segnate di destro (18), mentre uno solo è stato segnato di testa. Stesse proporzioni tra le reti in area (18) e quelle fuori area (1). Simy si sta rivelando un attaccante molto preciso con 34 tiri in porta su 51 totali (66%). Al nigeriano servono in media appena 1,79 tiri in porta per segnare una rete. Dati, questi appena snocciolati, che fanno di Simy nettamente l’attaccante rivelazione di questo campionato. Una sua eventuale vittoria della classifica dei cannonieri sarebbe una delle più sorprendenti quanto suggestive scommesse sulla Serie A. Inoltre, in caso di sua vittoria con contemporanea retrocessione del Crotone, che ormai è una realtà sarebbe la seconda volta di un capocannoniere retrocesso dopo Protti nel Bari 1995/96.

QUOTE CAPOCANNONIERE
SERIE A 2020-21

 

Crediti immagine: Getty Images

X