Arsenal-Man Utd preview: Sanchez e Martial, sfida a suon di gol

Arsenal-Man Utd preview: Sanchez e Martial, sfida a suon di gol

I Gunners puntano alla vittoria e all’aggancio in classifica dei Red Devils. Che però l’anno scorso hanno fatto il colpaccio all’Emirates Stadium…

Arsenal_United_Preview

L’ottava giornata di Premier League si conclude domenica alle 17 con un posticipo di grido: Arsenal-Manchester United. Per i Gunners è la più classica “operazione aggancio”, dato che con una vittoria all’Emirates Stadium potrebbero raggiungere in vetta alla classifica i Red Devils di Louis van Gaal.

L’ultimo turno di Champions League è stato un disastro per il club londinese. L’Arsenal ha perso contro l’Olympiakos e si trova ora a zero punti dopo due giornate quando mancano ancora i due scontri contro il Bayern Monaco. Lo United, invece, si è riscattato dopo la sconfitta all’esordio contro il Psv vincendo per 2-1 contro i tedeschi del Wolfsburg.

Il manager francese dell’Arsenal è costretto a far fronte a molte assenze: Wilshere e Arteta in mezzo al campo, Welbeck in attacco. Dubbi sulle condizioni di Flamini e del portiere Cech, unico acquisto della sessione estiva dei Gunners. Van Gaal, invece, ad eccezione degli infortunati di lunga data come Shaw e Rojo, può fare affidamento sull’intera rosa.

Su chi scommettere?

In 86 gare disputate a londra tra i due club, l’Arsenal ne ha vinte 44, contro le 23 dello United. Il successo della banda di Wenger in casa contro i Red Devils, però, manca dalla stagione 2010/11, un 1-0 firmato Ramsey. Lo scorso anno all’Emirates ci fu un blitz del Manchester, che vinse 2-1.

Gol/non gol?

Di certo la gara non sarà noiosa. Sono otto gare consecutive che il Man Utd centra l’Over 2.5, mentre l’Arsenal si ferma a tre, arrivando – in Premier League – dal sonoro 5-2 contro il Leicester di Ranieri. Molto probabile una partita aperta, veloce e incalzante: le porte non rimarranno inviolate.

Chi segnerà?

La sfida nella sfida è sicuramente quella tra Sanchez e Martial. Il cileno arriva dalla tripletta contro il Leicester e finalmente sembra aver ritrovato la leadership e la condizione dopo un inizio di stagione fermato da qualche problema fisico. Il francesino, pagato 50 milioni di euro (per ora…), è già diventato “Martian”, con i suoi 4 gol e 3 assist in sole cinque presenze.

X