Milan-Venezia: un Diavolo incerottato e contento cerca tre punti facili contro i lagunari

Milan-Venezia: un Diavolo incerottato e contento cerca tre punti facili contro i lagunari

Dopo il buon pareggio ottenuto domenica sera in casa della Juventus, tornano in campo i rossoneri di mister Pioli: mercoledì sera a San Siro si gioca Milan-Venezia, match che da queste parti mancava da 20 anni esatti. Il Diavolo è ancora alle prese con l’emergenza-infortuni – mancheranno almeno otto giocatori – ma dal punto di vista psicologico non potrebbe stare meglio: contro il Venezia di Zanetti si va alla ricerca di quei tre punti importanti per restare in scia al Napoli capolista, e magari per pensare all’aggancio.

Quote del: 21/09/2021

Fischio d’inizio: mercoledì 22 settembre, ore 20.45

Sede: Stadio Giuseppe Meazza, Milano

MILAN-VENEZIA
LE MIGLIORI QUOTE

Milan-Venezia, la presentazione

Pieno di lividi, col naso sanguinante e l’occhio pesto, ma un sorriso a 32 denti: questa, più o meno, l’immagine che avrebbe, se ne avesse una, il Diavolo rossonero all’indomani della gara dell’Allianz Stadium contro la Juventus. Un match a cui il Milan si è avvicinato pieno di dubbi, più per le importanti defezioni che per altro, ma da cui è fuoriuscito con rinnovate certezze: una su tutte, questa è una squadra che può giocarsela alla pari con chiunque, almeno in Serie A. E le assenze, che pure pesano e altrettanto preoccupano (sembra un remake della passata stagione dal punto di vista infermieristico), non scalfiscono né la qualità del gioco né l’autostima che i ragazzi di Pioli hanno ormai acquisito e cementato nell’ultimo anno e mezzo vissuto di corsa.

Gioco e autostima che saranno elementi essenziali nel turno infrasettimanale contro il Venezia, visto che di recuperare i pezzi mancanti non se ne parla. O meglio, tornerà tra i disponibili Olivier Giroud, che sta meglio dopo l’attacco di lombalgia del weekend, ma difficilmente Pioli lo rischierà dal 1’: l’obiettivo è averlo tirato a lucido per la sfida contro l’Atletico Madrid di settimana prossima. Non ci sarà nemmeno Ibra – anche lui punta i colchoneros – e in generale la lista degli infortunati resta la stessa, anzi con l’aggiunta di Simon Kjaer, uscito al 35’ nel match di domenica sera. Fortunatamente nulla di grave per il danese, che potrebbe recuperare in tempo per la Champions League.

Milan-Venezia non si gioca a San Siro da esattamente 20 anni. Era l’ottobre del 2001 e sulla panchina rossonera sedeva, ancora per poco, l’Imperatore del Bosforo Fatih Terim. La gara terminò 1-1, con un gran gol di Shevchenko poi rimontato dall’ex Pippo Maniero, e per i lagunari fu il primo punto in quel campionato. Con grande sorpresa per gli appassionati di scommesse sportive. Meno di tre settimane più tardi il turco, in modo decisamente meno sorprendente, sarebbe stato esonerato e per il Milan sarebbe quindi iniziata l’era Ancelotti.

Le probabili formazioni

Come detto, il Milan si presenta al confronto di mercoledì col morale alto e la panchina corta. Oltre a Ibrahimovic e Kjaer, marcheranno ancora visita Bakayoko e Krunic (entrambi si rivedranno dopo la sosta, a metà ottobre), Calabria (potrebbe tornare contro l’Atletico) e Messias (sta rifacendo la preparazione). Inoltre, in vista degli impegni contro Spezia e Atletico, Pioli potrebbe concedere un turno di riposo anche a Saelemakers e Kessié, apparso affaticato contro la Juventus.

Nessun problema particolare di formazione, invece, per Paolo Zanetti, che anzi deve decidere tra due o tre ballottaggi: Molinaro-Schnegg, Aramu-Okereke, Henry-Forte. Alla fine, probabile che il tecnico vicentino si affidi ancora a Henry e Okereke, due protagonisti dell’unica vittoria della sua squadra in questo campionato, quella dell’11 settembre in casa dell’Empoli. Soprattutto il secondo potrebbe mettere in difficoltà la retroguardia rossonera con la sua velocità.

Milan (4-2-3-1): Maignan; Kalulu, Tomori, Romagnoli, Hernandez; Tonali, Bennacer; Florenzi, Diaz, Leao; Rebic. All. Pioli

Venezia (4-3-3): Maenpaa; Mazzocchi, Caldara, Ceccaroni, Schnegg; Crnigoj, Busio, Vacca; Okereke, Henry, Johnsen. All. Zanetti

Milan-Venezia, quote e pronostico

Un’occhiata alla classifica e alle quote sulla Serie A basta e avanza per individuare il Milan come chiaro favorito della sfida di San Siro. Peraltro, gli arancioneroverdi hanno espugnato il Meazza una sola volta nella loro storia (4 pareggi e 7 sconfitte), e ciò è accaduto nel novembre del 1942. Inoltre, i rossoneri hanno un ottimo score contro squadre neopromosse, avendo perso una sola delle ultime 19 gare (contro lo Spezia a febbraio). Nessun dubbio, insomma, nel consigliare una vittoria della squadra di Pioli. Ed è probabile che questa sia abbinata a un No Goal. Mentre le diverse assenze nel reparto offensivo rossonero potrebbero influire sul computo totale delle reti, che potrebbe non essere particolarmente elevato.

MILAN-VENEZIA
LE MIGLIORI QUOTE

Crediti Immagini: Getty Images

X