Senza Tevez la Juventus riparte dai Big Three

Senza Tevez la Juventus riparte dai Big Three

Con la cessione dell’Apache al Boca Juniors, Allegri ruoterà in attacco Morata, Mandzukic e Dybala. I tifosi bianconeri stanno già mettendo mani al pallottoliere

L’attacco della Juventus, dopo l’addio di Tevez, dovrà ripartire da tre nomi: Alvaro Morata, Mario Mandzukic e Paulo Dybala. Il progetto bianconero è chiaro: un mix di giovani di talento e giocatori di esperienza per continuare a vincere in Italia e creare le basi per essere stabilmente nella Top8/Top4 in Europa.

Di sicuro la cessione dell’Apache, ritornato in Argentina nel suo Boca Juniors, lascia un’eredità molto pesante, sia a livello di gol (50 in 96 presenze in bianconero) che a livello di personalità. L’ex United e City, infatti, era il leader indiscusso del reparto avanzato di Allegri, attorno al quale Morata è potuto crescere a piccoli passi e senza pressioni.

Il talentino spagnolo, ora, sarà chiamato a diventare lui stesso l’uomo immagine dell’attacco bianconero: i numeri ci sono tutti, la personalità probabilmente verrà con il passare del tempo. Sempre che il Real Madrid non decida da un momento all’altro di esercitare la clausola di “recompra”: in questo precampionato il ragazzo infatti non sembra tranquillo, sostituito un paio di volte prima del dovuto con un atteggiamento in campo che non è piaciuto ad Allegri.

E' dura l'eredità di Tevez...
E’ dura l’eredità di Tevez…

Il numero 9 bianconero dovrà di sicuro migliorare il suo score di 8 gol in Serie A. Una sua imposizione come capocannoniere è bancata 15/1, e Morata ha tutto il talento e la capacità necessaria (i 5 gol nella fase finale della Champions League lo dimostrano) per esplodere definitivamente.

Di fianco a lui, almeno all’inizio, partirà Mario Mandzukic. Centravanti croato vecchio stile, tutto movimento-spalle-alla-porta e fiuto del gol, ha già vinto una Champions League con il Bayern Monaco (segnando in finale) e viene da una buona – non ottima – stagione all’Atletico Madrid di Simeone.

Mario Mandzukic, sbarcato dall'Atletico Madrid per 18 milioni
Mario Mandzukic, sbarcato dall’Atletico Madrid per 18 milioni

Nelle idee di Allegri Mandzukic sarà la boa attorno alla quale ruoterà Morata con i suoi movimenti. I gol sono il suo pane, per questo la quota per il croato capocannoniere è bancata 8/1, ma bisognerà vedere se l’ex Wolfsburg sarà un titolare inamovibile o un’arma tattica per scardinare le difese avversarie.

E infine Paulo Dybala: la “Joya” è sbarcato a Torino dal Palermo per 32 milioni più bonus (siamo vicini ai 40) dopo aver giocato una stagione straordinaria (ultimi due mesi a parte), condita da 13 gol e 10 assist. E’ un attaccante all-around, alla Sergio Aguero per intenderci, che pul svariare su tutto il fronte offensivo, giocando trequartista, seconda punta o centravanti.

Paulo Dybala in azione contro il Marsiglia
Paulo Dybala in azione contro il Marsiglia

Dall’esplosione del suo talento cristallino passerà molto del futuro di questa Juventus, che non ha esitato a puntarci ad occhi chiusi: per adesso non sembra ancora un attaccante da 20 gol a stagione, ma le immagini delle sue giocate l’anno scorso sono sotto gli occhi di tutti. Potenzialmente è il più forte: per chi vuole puntare su di lui sul trono del gol già da subito la quota è 13/1.

X