Liverpool-Real Madrid, finale Champions League 2021-22

Liverpool-Real Madrid: a Parigi i Reds cercano vendetta contro l’imbattibile Casa Blanca delle finali di Champions League

Questa sera, allo Stade de France di Parigi, va in scena l’ultimo atto della Champions League 2021-22. Liverpool-Real Madrid non sarà un incrocio inedito; questa è infatti la sfida più frequente nella storia della finale del torneo: già due i precedenti, con una vittoria a testa. Non solo: quella del 1981 (1-0 per i Reds) resta l’ultima sconfitta patita dalla Casa Blanca in una finale di Champions League/Coppa dei Campioni. Da allora, sette finali e sette vittorie. Tra cui l’ultima, nel 2018, proprio contro il Liverpool. Ancelotti insegue il quarto trionfo nel torneo e sfiderà Klopp: dopo aver perso allo scadere il titolo in Premier League, il tecnico tedesco affronta una squadra contro cui non ha vinto spesso in carriera.

Quote del: 28/05/2022

Fischio d’inizio: sabato 28 maggio, ore 21.00

Sede: Stade de France, Saint-Denis (Parigi)  

LIVERPOOL-REAL MADRID
QUOTE LIVE

Liverpool-Real Madrid, la presentazione

Siamo giunti al terzo capitolo di una saga lunga, che comincia nel 1981. Quello è l’anno del primo incrocio in finale di Coppa dei Campioni tra Liverpool e Real Madrid, allenato all’epoca dal compianto Vujadin Boskov. In quel caso a prevalere furono i Reds 1-0, grazie a una rete nel finale di Alan Kennedy. Era il grande Liverpool degli scozzesi Souness e Dalglish, capace di salire sul trono d’Europa per quattro volte nel giro di sette anni. Per il Real Madrid, invece, gli anni Ottanta furono un decennio particolare: i blancos vinsero per due anni consecutivi la Coppa UEFA (1984 e 1985) e per ben cinque anni di fila la Liga, tra il 1986 e il 1990. Tuttavia, non riuscirono mai a laurearsi campioni d’Europa: e quella persa nel 1981 fu l’unica finale disputata dal club in 32 anni, tra il 1966 e il 1998, anno in cui trionfarono ad Amsterdam contro la Juventus.

Nel 2018 ci fu il secondo capitolo della sfida, in quel di Kiev. Le parti erano invertite in modo diametrale: da una parte una squadra, il Madrid, alla quarta finale in cinque anni; dall’altra il Liverpool, che non arrivava all’ultimo atto da 11 stagioni e che, fatto salvo quel triennio con Benitez, tra il 2005 e il 2007, era rimasto ai margini del grande palcoscenico continentale proprio dagli anni Ottanta. Quella finale, che sarà sempre ricordata per i clamorosi errori del portiere del Liverpool Loris Karius e per l’infortunio di Salah dopo pochi minuti di gioco, vide i blancos imporsi per 3-1 grazie alle reti di Benzema e alla doppietta di Gareth Bale.

Il Real vola a Parigi, sede della finale di Champions, da campione di Spagna, titolo già conquistato da un po’ di settimane. Questo ha permesso alla squadra di Ancelotti di prepararsi alla sfida al meglio. Discorso opposto invece per il Liverpool. I Reds hanno lottato punto a punto contro il City fino all’ultima giornata, non riuscendo a conquistare la Premier League. Gli inglesi, però, hanno già messo le mani su due trofei in questa stagione: Fa Cup e Coppa di Lega, ottenute entrambe superando in finale il Chelsea.

Secondo le quote scommesse dedicate al calcio, questa finale di Champions League è tutta da scrivere. Non c’è una squadra nettamente favorita: questa competizione – e in particolare il percorso incredibile dei Blancos in stagione – ci insegnano che non bisogna mai dare nulla per scontato in campo europeo.  

 

Liverpool-Real Madrid, i precedenti

Questo sarà il nono incontro tra Liverpool e Real Madrid in Coppa dei Campioni/UEFA Champions League. Dopo aver vinto i primi tre tra il 1981 e il 2009, i Reds non hanno ottenuto nemmeno un successo negli ultimi cinque incroci, con un pareggio e ben quattro sconfitte, tra cui quella in finale nel 2018.

Le probabili formazioni

Passata la paura per Momo Salah, che dopo essere uscito nei primi minuti di gioco della finale del 2018 ha rischiato di saltare anche questa, a causa di un infortunio muscolare patito due settimane fa contro il Chelsea (e per fortuna riassorbito), Jurgen Klopp ha in mente una soluzione spiazzante per il suo tridente offensivo. Con l’egiziano intoccabile a destra, Sadio Mané potrebbe essere schierato come falso nueve, lasciando spazio a Luis Diaz (una delle rivelazioni di questa stagione di calcio europeo) a sinistra, con conseguente panchina per Firmino e Diogo Jota. A centrocampo non ci sarà Thiago Alcantara: spazio a Fabinho davanti alla difesa, con Henderson e Keita ai lati. In difesa, davanti ad Alisson, il quartetto composto da Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk e Robertson.

Stesso modulo, ma interpretazione chiaramente diversa, per il Real Madrid di Carlo Ancelotti, squadra decisamente meno intensa e più portata al palleggio rispetto al Liverpool. Il tecnico di Reggiolo, alla sua quinta finale di Champions League da allenatore (e la terza contro il Liverpool), si affiderà ai soliti fedelissimi a centrocampo, il trio Modric-Casemiro-Kroos, con il funambolico Camavinga pronto a subentrare. L’attacco sarà ovviamente sulle spalle di Karim Benzema, miglior giocatore del torneo fino a questo momento, che avrà Vinicius a sinistra e Valverde a destra. Panchina iniziale, dunque, per Rodrygo, eroe della semifinale contro il City.

Liverpool (4-3-3): Alisson; Alexander-Arnold, Van Djik, Matip, Robertson; Henderson, Fabinho, Keita; Salah, Mané, Diaz. All. Klopp

Real Madrid (4-3-3): Courtois, Carvajal, Militao, Alaba, Mendy, Casemiro, Kroos, Modric; Valverde, Benzema, Vinicius. All. Ancelotti

Liverpool-Real Madrid, quote e pronostico

Le ultime quote sulla Champions League delineano una sfida equilibrata, in cui il Liverpool parte leggermente favorito. Vietato però sottovalutare la forza d’animo e tecnica del Real, che tante volte in questo percorso sembrava spacciato e poi ha saputo rialzarsi dalle macerie. Saranno tanti i duelli sul campo, bellissimo quello a distanza fra Benzema e Salah. Il francese ha segnato 15 gol in questa stagione europea, ed è a meno due dal record di reti in una singola edizione, firmato da Cristiano Ronaldo nel 2014. Dall’inizio della stagione 2017/18, l’egiziano invece ha segnato 33 gol e realizzato 11 assist in Champions League: solo Lewandowski (55) e Mbappé (47) hanno preso parte a più gol nel periodo.

Il Liverpool cercherà di vincere la Champions per la settima volta: una vittoria a Parigi porterebbe gli inglesi al pari del Milan, dietro solo al Real. Trionfando, le Merengues alzerebbero il trofeo per la 14ª volta, almeno il doppio di qualsiasi altro team. I Blancos, inoltre, hanno vinto in tutte le ultime sette occasioni in cui hanno giocato l’ultimo atto della massima competizione europea. Klopp ha affrontato il Real più di qualsiasi altra avversaria in Champions: nove incroci, vincendo solo tre di queste partite. Carlo Ancelotti punta a conquistare la Champions per la quarta volta, il massimo per un allenatore nella storia: l’italiano ha fallito solo in un frangente in finale, nel 2004/05 contro il Liverpool, con il Milan.

La sfida potrebbe essere molto equilibrata, tra due squadre fortissime e che non mollano mai, specialmente sponda Madrid. Per questo, vi consigliamo di tenere in considerazione l’X nei 90 minuti. Qui, invece, la guida sulle scommesse nei tempi supplementari.

LIVERPOOL-REAL MADRID
TUTTE LE QUOTE

Crediti Immagine: Getty Images

X