Olanda EURO 2020

Olanda a Euro 2020: quante possibilità ha di vincere?

L’Olanda si presentava a EURO 2020 con il ruolo di outsider di lusso: la selezione guidata da Frank de Boer partiva dietro le big del torneo ma può contare su ottime individualità, e con un percorso abbastanza agevole come quello avuto nella fase a gironi potrebbe sorprendere nonostante le tante assenze importanti. Confrontiamo dunque le quote sugli Europei 2021 con le reali potenzialità degli arancioni.

Storia dell’Olanda agli Europei di calcio e nelle grandi competizioni

La nazionale olandese ha conquistato il suo primo e unico successo internazionale nel 1988, quando trascinati da Van Basten e Gullit gli oranje trionfarono negli Europei giocati in Germania Ovest. Un successo meritato: l’Olanda ha cambiato la storia del football con il suo “Calcio Totale” ed è stata capace di arrivare per ben tre volte in finale ai Mondiali (1974, 1978 e 2010) senza però riuscire mai a piazzare la zampata decisiva.

Nel campionato europeo di calcio la nazionale olandese ha un’ottima tradizione. A partire dal terzo posto nel 1976, in piena era del primo “calcio totale”, l’Olanda ha vinto nel 1988 e poi ha centrato tre volte le semifinali e due i quarti, prima della flessione nell’ultimo decennio: primo turno nel 2012 e non qualificata nel 2016. Stavolta gli olandesi partono però decisamente dietro le big, con una formazione che non manca di qualità ma che negli ultimi tempi raramente ha convinto sul campo.

Frank de Boer e un’Olanda che non convinceva ma…

Figlio di una scuola calcistica all’avanguardia come quella dell’Ajax e allievo di un maestro della tattica come Louis van Gaal, Frank de Boer si è ritrovato alla guida dell’Olanda dopo una carriera come tecnico tutt’altro che convincente. Subentrato a Ronald Koeman, sedotto dalle sirene del Barcellona, l’ex difensore ha faticato però a ingranare la quinta pur trovandosi a lavorare con una selezione dove non mancano giocatori di talento ma senza certezze assolute. Le assenze causa infortunio di Hateboer e soprattutto di Van Dijk, a cui si sono aggiunte quelle di Van de Beek e Luk De Jong hanno rimescolato gli equilibri in un senso che potrebbe sorprendere in positivo.

La formazione dell’Olanda a EURO 2020

La squadra di De Boer era solita scendere in campo con il tradizionale 4-3-3, ma il CT ha ultimamente stravolto le sue convinzioni optando per un 3-4-1-2.

Olanda (3-4-1-2): Stekelenburg; Maduro, de Ligt, de Vrij; Dumfries, De Roon, F. De Jong, Van Aanholt; Wijnaldum; , Weghorst, Depay.

In grafica abbiamo ipotizzato anche i naturali sostituti per ciascun ruolo.

Modulo formazione Olanda Euro 2020

Olanda a Euro 2020, uomini chiave e possibili sorprese

L’assenza di un pilastro come Virgil van Dijk, frenato per l’intera stagione da un grave infortunio, potrebbe comunque rivelarsi meno grave del previsto: il totem del Liverpool è forse il miglior difensore centrale al mondo, ma in Italia de Ligt e de Vrij hanno dimostrato di essere eccellenti interpreti del ruolo e dovrebbero garantire la giusta copertura all’esperto Stekelenburg, rinato a sorpresa nell’Ajax e pronto a giocarsi il posto con Krul dopo l’infortunio di Cillessen. De Boer pare avere risolto il problema del terzino/esterno destro di spessore: fuori Karsdorp e Hateboer, ecco Dumfries a impersonare una delle sorprese del torneo

Migliori le opzioni in mediana, anche se Frenkie de Jong, a differenza dell’ex compagno nell’Ajax de Ligt, ha patito il salto in una big (Barcellona) e dovrà tornare decisivo in una Nazionale che conta su di lui per giocarsela fino in fondo. Un discorso che vale anche per Wijnaldum, stella del Liverpool un po’ in affanno ma eccellente nella prima parte di Euro 2020, mentre completano il reparto giocatori di buon livello come Gravenberch e De Roon che però difettano di esperienza internazionale. L’attacco è potenzialmente interessante e potrebbe regalare sorprese: la formazione dell’Olanda a EURO 2020 prevedeva sicuramente la presenza di Luuk de Jong, che però si è infortunato tornando a casa anzitempo. Occhio allora a Depay e Berghuis, talenti chiamati al salto di qualità definitivo e a lungo rimandato. Si dimostreranno all’altezza?

L’Olanda nella fase a eliminazione diretta

Inserita nel momento del sorteggio nel Gruppo C degli Europei 2021, l’Olanda non ha finora certamente avuto sfortuna. Il gruppo con Austria, Macedonia del Nord e Ucraina non era certo proibitivo e, una volta qualificatasi come prima, la nazionale arancione si trova una sorta di “autostrada” verso la semifinale. Nulla di già deciso ovviamente, ma trovare la Repubblica Ceca agli ottavi e una tra Galles e Danimarca nei quarti è qualcosa di molto vicino all’ideale. Poi, in semifinale, se i pronostici dovessero essere rispettati, ci dovrebbe essere una tra Germania e Inghilterra.

Quota Olanda vincente Europei 2021: gli Oranje con meno forma e più sostanza?

Anche in ragione dell’andamento del torneo e degli accoppiamenti nella fase a eliminazione diretta, la quota dell’Olanda nelle scommesse sul vincente degli Europei 2021 è crollata a 10,00 dal precedente 13,00. Nei pronostici sull’Europeo di calcio è difficile puntare a occhi chiusi sulla banda di De Boer, ma ignorare certi segnali provenienti dal campo (e non solo) potrebbe rivelarsi errato.

EURO 2020
QUOTE OLANDA VINCENTE

Crediti Immagine: Getty Images

X