Giro d'Italia 2021: tutto sulle 21 tappe, i favoriti e le sorprese più attendibili

Giro d’Italia 2021: tutto sulle 21 tappe, i favoriti e le sorprese più attendibili

Quote del 29/4/2021

Partito il conto alla rovescia per il Giro d’Italia 2021, l’edizione numero 104 che inizia l’8 maggio per concludersi soltanto alla fine del mese. La corsa non avrà un campione uscente visto che il giovane Taogeoghegan Hart, vincitore della particolarissima edizione 2020 (tenutasi in autunno) non sarà al via. Vediamo percorso, altimetria e favoriti della Corsa Rosa.

TUTTE LE QUOTE SUL
GIRO D’ITALIA 2021

Giro d’Italia 2021, tutto sulle 21 tappe

Come si presenta il Giro d’Italia 2021? Le premesse sono di una corsa avvincente come poche. Gli organizzatori sono riusciti a trasformare il momento difficile, dovuto al perdurare della pandemia globale, in una opportunità: le 21 frazioni toccano luoghi e tratti che sono entrati nella storia del ciclismo, non solo di questa corsa. Ecco una panoramica dell’edizione 2021 del Giro d’Italia.

Giro d’Italia 2021, favoriti e quote

Non capita spesso che il vincitore di una grande corsa a tappe non si presenti al via dell’edizione successiva, ma nel ciclismo moderno è qualcosa che può accadere, in particolare a causa del calendario infittito dai vari rinvii. Così il pettorale numero 1 è stato assegnato dagli organizzatori a Egan Bernal, già vincitore del Tour De France 2019 e compagno di squadra dello stesso Hart alla Ineos. Il 24enne colombiano ha poi deluso nell’ultima Grande Boucle, così il team ha deciso di indirizzarlo sulla Corsa Rosa dove avrà i galloni di favorito. Secondo le scommesse online una vittoria finale di Bernal paga 3,25.

Tra i probabili protagonisti ci sarà anche Simon Yates, l’inglese vincitore della Vuelta 2018 che avrà a sua disposizione l’intera squadra della BikeExchange. La cosa non è da sottovalutare, perché al contrario altre squadre hanno scelto di puntare su più cavalli, con la moda del “doppio capitano”, anche per prevenire eventuali svolgimenti diversi della corsa. Invece Yates avrà tutti i compagni a lavorare per lui e, nelle quote sul Giro d’Italia 2021, paga 4,50.

Stessa quota per il giovanissimo (21 anni) Remco Evenepoel, della Deceuninck-Quick Step. Il belga è ritenuto un potenziale fenomeno, fortissimo a cronometro ma in grado di difendersi anche quando la strada sale, è anche reduce da un brutto infortunio patito all’ultimo Giro di Lombardia, dove si fratturò il bacino in una caduta. Anche se al rientro dovrebbe essere pronto a correre da protagonista. Ad ogni modo, la squadra gli ha affiancato come secondo capitano Joao Almeida, scalatore puro e quarto al Giro 2020.

Le possibili sorprese del Giro

Molto chiacchierato è il russo dell’Astana Aleksandr Vlasov, atteso già nell’ultima edizione ma fermato presto da problemi gastrointestinali. Il 25enne deve ancora dimostrare molto nelle grandi corse a tappe ma ha tutto per essere competitivo in classifica generale ed è in forma, come dimostrano il 2° posto alla Parigi-Nizza e il terzo al Giro delle Alpi Infatti la sua quota di 13,00 per il Giro d’Italia 2021 è tra le più intriganti. Piace moltissimo a 15,00 Mikel Landa, scalatore spagnolo della Bahrain già terzo al Giro 2015. Con tutte le cime durissime presenti nel percorso, il nome buono potrebbe essere davvero il suo.

Nella nostra guida con i consigli su come scommettere sul ciclismo parliamo dell’attenzione da riservare alla scommessa “altro”. In questo caso, in “altro” rientrano alcuni corridori piuttosto interessanti e competitivi nel Giro d’Italia 2021: tra tutti Bauke Mollema, co-capitano della Trek insieme a Vincenzo Nibali, che però potrebbe guadagnare la leadership assoluta della squadra sul campo, qualora “lo squalo” (quota 51,00) non si rivelasse in condizione. Un altro capitano-bis è tra i nomi non citati nelle quote e che rientrano in “altro”: parliamo di Pello Bilbao, leader della Bahrain insieme a Landa.

Infine una menzione per Emanuel Buchmann, 28enne tedesco capitano della Bora Hansgrohe. La sua vittoria finale paga 11,00, perché il ragazzo ha le caratteristiche per colpire anche se all’esordio assoluto nel Giro d’Italia. La sua squadra è molto ben attrezzata e punta con decisione almeno al podio, per il tedesco che in salita si difende molto bene.

 

Crediti immagine: Getty Images

X