GP di Russia: a Sochi ha vinto sempre la stessa auto, indovinate quale?

GP di Russia: a Sochi ha vinto sempre la stessa auto, indovinate quale?

Semaforo verde: domenica 27 settembre, ore 13.10

Circuito: Monza (Italia)

TV: Sky Sport F1, Sky Sport Uno, NOW TV (diretta), TV8 (differita)

Avete indovinato: la Mercedes

Dal 2014, cioè da quando si disputa il GP di Russia a Sochi, soltanto la Mercedes ha tagliato il traguardo per prima in gara: quattro volte ha vinto Lewis Hamilton, una Nico Rosberg (2016) e una Valtteri Bottas (2017). Qualcosa ci dice che, salvo imprevisti, il dominio Mercedes in terra di Russia sia destinato a perdurare anche in questa ottava edizione. In realtà, il GP di Russia si è disputato anche nel 1913 e nel 1914, solo che allora si correva a San Pietroburgo: il primo anno vinse Georgij Suvorin, il secondo Willy Scholl. Su che auto? Il costruttore si chiamava Benz…

Se negli anni passati la competizione c’era, eccome, quest’anno la Mercedes sta viaggiando sul velluto, respingendo i flebili attacchi di Red Bull e McLaren. A maggior ragione, il GP di Russia che è storicamente terra di conquista per la casa automobilista tedesca, nel 2020 rischia di diventare una semplice passerella per dimostrare, ancora una volta, tutta la superiorità della Mercedes, in attesa che il nuovo regolamento, previsto per il 2022, possa rimescolare un po’ le carte in tavola.

Non a caso le quote delle scommesse online non danno molto margine di manovra agli avversari di Lewis Hamilton. Il formidabile pilota britannico sta macinando record su record, non perde un colpo che sia uno e anche quando le cose non vanno per il verso giusto, come nel GP d’Italia, riesce comunque a limitare i danni.

E la Ferrari come sta? Moribonda è il primo termine che ci viene in mente. A livello di classifica piloti, Charles Leclerc è addirittura 8° con 49 punti, dietro anche alla Renault di Daniel Ricciardo e alla Racing Point di Lance Stroll. Non va meglio a Sebastian Vettel, che di punti ne ha appena 17, 26 in meno dell’Alpha Tauri di Pierre Gasly, vincitore proprio del GP d’Italia. Prestazioni del genere, per la Rossa, non si verificavano da diversi decenni.

GP di Russia: le caratteristiche del tracciato

Il circuito del GP di Russia è lungo 5,848 km. La gara prevede 53 giri, per un totale di 309.745 km da percorrere. Un test impegnativo per i piloti: quello di Sochi è l’unico tracciato con due curve con decelerazioni superiori a 5,5g, anche se la media in frenata è di 4,2g, inferiore a quella di Spa (4,3g) ma superiore a quella di Monza, circuiti con cui condivide lo stesso indice di difficoltà per l’impianto frenante.

Il record in gara è firmato, manco a dirlo, Lewis Hamilton, che l’anno scorso ha stampato un 1’35”761 di tutto rispetto. In realtà, il record assoluto del tracciato lo ha fatto segnare il suo compagno di squadra, Valtteri Bottas, due anni fa: 1’31”387 che gli valse la pole position davanti allo stesso Hamilton.

Le quote del GP di Russia

Per le quote sulla Formula 1, l’1,42 di Lewis Hamilton rappresenta la quota più bassa per il vincitore della gara. Dietro di lui, Bottas a 3,30 e Verstappen a 6,50, poi il vuoto: Stroll a 41, Ricciardo a 51, PerezAlbon a 67, Sainz Jr e Norris a 151. La Ferrari di Leclerc? Addirittura a 301.

Tra le scommesse speciali, considerato lo strapotere di Hamlton non ci dispiace l’1,55 sull’eventualità che il vincitore arrivi al traguardo con un vantaggio di almeno 6 secondi. Visti i risultati di quest’anno, a 2,40 non è male neppure la puntata sul ritiro di Kevin Magnussen, che spesso non è arrivato al traguardo.

Tutte le quote del GP di Russia

X