Pronostici GP Olanda 2021: a casa Verstappen ricordando Niki Lauda

Pronostici GP Olanda 2021: a casa Verstappen ricordando Niki Lauda

Tre settimane di sosta per ricaricare le pile in vista della seconda parte di stagione e poi tre Gp consecutivi. Così la Formula 1 si è messa alle spalle l’estate 2021 per tuffarsi in un autunno bollente e allora dopo il… brevissimo Gp del Belgio e i punti rosicchiati in classifica da Max Verstappen a Lewis Hamilton ecco il Gran Premio d’Olanda sul circuito di Zandvoort, appuntamento numero 13 del Mondiale 2021. Non si tratta di una corsa e di un circuito qualunque, se è vero che la Formula 1 non vi faceva tappa addirittura dal 1985. L’antipasto ideale anche dal punto di vista storico di quanto accadrà sette giorni più tardi, l’attesissimo Gp d’Italia a Monza.

Quote del: 02/09/2021

Partenza: domenica 5 settembre, ore 15.00

Sede: Circuito di Zandvoort, Zandvoort (Paesi Bassi)

GP D’OLANDA
TUTTE LE QUOTE

GP Olanda 2021, la F1 torna al passato

Se il circuito di Spa-Francorchamps è universalmente riconosciuto come uno dei più tecnici del calendario, oltre che uno dei più storici essendo stato disputato già prima della nascita del Mondiale, non si può dire altrettanto per quello di Zandvoort sede del GP d’Olanda. Dopo essere stato un appuntamento fisso negli anni ’70 e ’80 è scomparso dal calendario alla metà del penultimo decennio del secolo scorso per tornare ad ospitare la Formula 1 solo in questa stagione. La Fia aveva già inserito la corsa nel calendario del 2020, ma gli effetti della pandemia di Coronavirus costrinsero a cancellare la tappa che, inizialmente prevista per il 3 maggio 2020, non fu poi reinserita vedendo cambiare drasticamente nella stagione successiva anche la propria collocazione all’interno del calendario stesso.

GP Olanda F1, a Zandvoort tra dune e curve

Dalle tecniche curve delle Ardenne alla sabbia e al vento del Mare del Nord. Questo in estrema sintesi il brusco salto cui saranno costretti i piloti del Mondiale 2021 di Formula 1 nel passaggio dal Belgio all’Olanda in appena sette giorni. Il circuito di Zandvoort, lungo 4.259 metri e da percorrere per 72 volte, non può infatti che risentire della propria collocazione, la popolare città balneare della parte nord occidentale dei Paesi Bassi, a circa 30 km da Amsterdam. Insomma, da un circuito unico a un altro, visto che solo la tappa russa di Sochi può essere paragonata a quella olandese dal punto di vista climatico, vista la vicinanza del mare, mentre dal punto di vista tecnico il paragone più calzante è quello con la pista di Montecarlo.

Situato tra le dune di sabbia, il circuito si caratterizza infatti per le sue curve velocissime accompagnate da impegnative variazioni altimetriche. Un mix che può garantire emozioni, ma non spettacolo, perché gli spazi per effettuare sorpassi sono di fatto assenti con l’eccezione di quanto potrebbe accadere al termine della prima, famosissima curva, denominata Tarzan, posta alla fine del rettilineo di partenza caratterizzato da una marcata sopraelevazione.

Quello di Zandvoort è tuttavia considerato anche un circuito particolarmente pericoloso, complici vie di fuga quasi del tutto assenti, al punto da essere stato sottoposto a diverse modifiche che non hanno però evitato che due piloti vi perdessero la vita. Accade nel 1970 a Piers Courage e nel 1973, dopo un anno di assenza del GP dal calendario del Mondiale proprio per provare a mettere in sicurezza il circuito, a Roger Williamson, che mori ad appena 25 anni al secondo GP della carriera tra le fiamme della propria March dopo lo scoppio di uno pneumatico.

GP Olanda F1, il circuito dei campioni del mondo

Gli appassionati di Formula 1 e di scommesse online lo sanno: si tratta comunque di un circuito per piloti veri, tecnici e coraggiosi, oltre che veloci. Caratteristiche che devono appartenere a un campione del mondo e allora non è un caso che tutti i piloti che hanno ottenuto almeno due successi a Zandvoort abbiano conquistato il titolo iridato almeno una volta in carriera. Da Jim Clark, primatista di vittorie, ben quattro, a Jack Brabham passando per James Hunt e Alain Prost.

L’ultimo in ordine di tempo a transitare per primo alla bandiera a scacchi in Olanda è stato Niki Lauda, vincitore della corsa in tre occasioni, tante quante Jackie Stewart, compreso il Gp del 1985, l’ultima volta in cui la F1 ha fatto tappa a Zandvoort. L’occasione sarà allora ideale per commemorare il fuoriclasse austriaco tre volte campione del mondo, a poco meno di due anni dalla sua scomparsa. Quello olandese fu peraltro l’ultimo dei 25 successi ottenuti da Lauda in F1 nella propria carriera. Due di essi, nel 1977 e nel 1984, furono conquistati con la Ferrari, primatista di vittorie in questo Gp con otto vittorie tra le quali la doppietta 1982-1983 con Didier Pironi e René Arnoux. Un successo anche per la Mercedes, nel 1955 con Juan Manuel Fangio.

GP Olanda F1, Max Verstappen a caccia del sorpasso

Proprio il fatto che su questa pista non si corra da quasi 40 anni e che quindi nessuno dei piloti del Mondiale 2021 conosca il tracciato, eccetto quanto è stato possibile fare al simulatore, rende difficile il pronostico in vista del Gp d’Olanda 2021. Nessuno o quasi, visto che c’è chi ha avuto la fortuna di correrci nel 2020. Si tratta dell’idolo di casa Max Verstappen, al quale è bastato qualche giro percorso con la Red Bull 2013 per definire quella di Zandvoort la “propria pista del cuore”, non solo per gli ovvi motivi sentimental-patriottici.

Anche osservando le quote sulla F1, molto difficile immaginare che il successo vada a un pilota diverso rispetto ai due dominatori della stagione. Il duello per il Mondiale si fa sempre più appassionante dopo che l’olandese ha rosicchiato cinque punti al rivale Lewis Hamilton, grazie alla “gara lampo” in Belgio e tutto lascia pensare che la Red Bull, molto performante anche in qualifica, parta favorita pure in Olanda. La scuderia austriaca farà di tutto per mettere a disposizione di Verstappen una vettura perfetta nel primo GP di casa della carriera del figlio d’arte, distante solo tre punti dal primo posto in classifica. Per questo puntiamo sul settimo successo stagionale di Super Max.

GP D’OLANDA
LE QUOTE AGGIORNATE

Crediti Immagine: Getty Images

X