Italia-Scozia al Sei Nazioni, con l’obiettivo di evitare il cucchiaio di legno

Italia-Scozia al Sei Nazioni, con l’obiettivo di evitare il cucchiaio di legno

Chi (non) vuole il cucchiaio di legno? Italia-Scozia è per gli azzurri da sempre la partita del Sei Nazioni, quella che regala agli azzurri maggiori chance di portarsi a casa una vittoria – che manca nella competizione ormai da quattro edizioni. L’Italia è reduce dalla sconfitta per 35-22 in casa della Francia, mentre gli scozzesi si sono arresi per 6-13 nel derby britannico contro l’Inghilterra.

Quote del: 21/02/2020

Calcio d’inizio: sabato 22 febbraio 2020, ore 15.15

Stadio: Olimpico, Roma

La gara più importante del Sei Nazioni

Semplicemente lo è, per l’Italia e probabilmente anche per la Scozia. La sfida di sabato all’Olimpico è la chance più concreta per interrompere un digiuno che dura dall’ormai lontano 28 febbraio 2015, un 19-22 a domicilio che vide gli azzurri battere, guardate un po’, proprio il 15 scozzese. Da allora soltanto delusioni e una collezione di cucchiai di legno da fare invidia alla cucina di Carlo Cracco. Dopo due giornate di Sei Nazioni, l’Italia occupa l’ultimo posto con 0 punti, mentre la Scozia le è sopra con 2, frutto di due sconfitte arrivate entrambe con uno scarto pari o inferiore ai 7 punti.

Le buone notizie arrivano dall’infermeria, finalmente svuotata: per il tecnico Franco Smith soltanto l’imbarazzo della scelta. Tecnico che ha annunciato ieri la formazione di partenza (così come il collega Gregor Townsend, già nella giornata di mercoledì), senza grossi stravolgimenti rispetto allo starting XV di Parigi. Alessandro Zanni toccherà i 119 gettoni in Nazionale, di cui 54 al Sei Nazioni, raggiungendo Castrogiovanni.

Non sarà della partita Sergio Parisse, l’ex capitano che aveva paventato l’ipotesi di partecipare alla sfida con l’Inghilterra, facendo però un pensierino anche a quella con la Scozia. Per uno dei giocatori più longevi e iconici del rugby italiano, probabilmente ci sarà soltanto la partita proprio con gli inglesi il prossimo 14 marzo.

Per quanto riguarda la Scozia, tre cambi rispetto alla sconfitta nell’ultima partita contro i cugini d’Inghilterra: McInally da tallonatore, Toolis da seconda linea e Harris da secondo centro vengono promossi a titolari nella formazione iniziale capitanata da Hogg. Price e Hastings in regia, con Ritchie, Bradbury e Watson a comporre la terza linea.

Italia-Scozia: formazioni ufficiali

Italia: Hayward, Bellini, Morisi, Canna, Minozzi, Allan, Braley, Steyn, Negri, Polledri, Cannone, Zanni, Zilocchi, Bigi, Lovotti.

Scozia: Hogg, Maitland, Harris, Johnson, Kinghorn,  Hastings, Price, Bradbury, Watson, Ritchie, Cummings, Toolis, Fagerson, McInally, Sutherland.

Italia-Scozia: le quote del match

Diamo infine un’occhiata alle quote del Sei Nazioni per quanto riguarda Italia-Scozia. La vittoria dei nostri portabandiera non è così probabile, come testimonia una quota di 3.50 sul segno 1. Un pareggio viene pagato 23, mentre il successo della Scozia è quotato 1.30. Mettendo da parte il campanilismo, la Scozia ci pare al momento superiore agli azzurri, che sicuramente dal canto loro metteranno anima e cuore su ogni pallone. Ecco perché un segno 1 con l’handicap a 8,5 – cioè una sconfitta dell’Italia, ma contenuta entro 8,5 punti – può essere una buona scommessa a 1.80.

X