Real Madrid-Barcellona, la rivalità infinita vale (ancora una volta) lo scudetto

Real Madrid-Barcellona, la rivalità infinita vale (ancora una volta) lo scudetto

Gira che ti rigira, ogni anno c’è almeno un Real Madrid-Barcellona decisivo ai fini di qualcosa: che sia il passaggio del turno in una coppa (nazionale o internazionale) o una sfida-scudetto, quando blancos e blaugrana si affrontano non è quasi mai banale. Anche per la loro storia, una rivalità infinita che travalica i confini del calcio. Perché Real Madrid-Barcellona è sport, ma è anche politica e soprattutto Castiglia contro Catalogna. Le due squadre si sono appena scambiate le posizioni in classifica, col Barcellona che nel turno precedente ha scavalcato il Real in vetta alla Liga.

Quote del: 27/02/2020

Calcio d’inizio: domenica 1 marzo, ore 21

Stadio: Santiago Bernabeu, Madrid

Di big match in big match

Neppure il tempo di recuperare dalle scorie della Champions League, che Real Madrid e Barcellona sono chiamate ad un altro snodo fondamentale delle rispettive stagioni, stavolta l’una contro l’altra. Gli uomini di Zidane hanno perso in casa contro il Manchester City per 1-2 e per passare gli ottavi di Champions avranno bisogno di un vero e proprio miracolo nella gara di ritorno. I ragazzi di Quique Setien, invece, sono usciti indenni dal San Paolo, pareggiando con Griezmann il vantaggio iniziale griffato Mertens.

Le merengues si presenteranno al Santiago Bernabeu senza gli infortunati Marco Asensio, Mariano Diaz ed Eden Hazard. Proprio quello del belga è l’ultimo degli stop in casa Real, una microfrattura al perone destro che molto probabilmente costringerà l’ex giocatore del Chelsea a guardare in tv il resto delle partite dei suoi. L’obiettivo per Hazard è tornare a disposizione per Euro 2020, anche se non è così scontato. Non sarà della sfida anche lo squalificato Rodrygo.

Infermeria ricca di starpower anche per i catalani, che dovranno fare a meno dei lungodegenti Luis Suarez e Dembelè, oltre che di Jordi Alba e Sergi Roberto. In dubbio la presenza di Gerard Piquè, uscito anzitempo dal match contro il Napoli in Champions League per un problema alla caviglia che necessita ulteriori approfondimenti. Sembrerebbe una distorsione, ma occorre aspettare che l’arto si sgonfi prima che i medici possano valutare l’eventuale presenza di lesioni.

La gara di andata, inizialmente programmata per 26 ottobre 2019, fu spostata al 18 dicembre per volere della Federcalcio spagnola, a causa delle tensioni politiche che attraversavano la Catalogna. Finì 0-0, una partita che il Real Madrid giocò meglio, andando alla conclusione per ben 17 volte contro le 9 degli avversari.

Forse può interessarti anche —> Real Madrid-Barcellona, le ultimissime <—

La storia recente dice Barcellona

Negli ultimo cinque scontri, il Barcellona ha avuto la meglio in 3 occasioni, pareggiando 2 volte (in Copa del Rey a febbraio 2019, oltre che nella già citata gara di andata). In generale, prendendo inesame soltanto il periodo tra il 1993-1994 ad oggi, i blaugrana hanno vinto quasi la metà delle partite di campionato: 26 su 53, con 13 successi del Real e 14 pareggi. Addirittura, i blancos hanno vinto soltanto una delle ultime 10 sfide di Liga contro gli storici rivali e sono a secco da 8 El Clasicos in generale (coppe comprese).

Ma ecco un’infografica che riepiloga la storia di Real Madrid-Barcellona:

Real Madrid-Barcellona: probabili formazioni

Real Madrid (4-3-3): Curtois; Carvajal, Varane, Sergio Ramos, Marcelo; Valverde, Casemiro, Kroos; Bale, Benzema, Isco

Barcellona (4-3-3): Ter Stegen, Semedo, Pique, Lenglet, Firpo; De Jong, Busquets, Arthur; Messi, Vidal, Griezmann

Diamo un’occhiata a quote e scommesse

Eccoci alle 2.10 sul numero di gol segnati in totale pari a 2 o 3.

X