Inter-Bologna: Inzaghi-Mihajlovic, amici contro nella partita degli ex

Inter-Bologna: Inzaghi-Mihajlovic, amici contro nella partita degli ex

Inter-Bologna. Ovvero, quando per ripartire non c’è niente di peggio di una delle proprie bestie nere recenti. O forse niente di meglio, perché l’Inter che riceve il Bologna per la quarta giornata della Serie A 2021-2022 ha tanta voglia di tornare a dominare e festeggiare come nella prima partita della stagione, contro il Genoa, l’unica giocata in casa in campionato prima della doppia trasferta contro Verona e Sampdoria. Reduce dalla frenata di Marassi e dal beffardo ko contro il Real Madrid, la squadra di Simone Inzaghi deve ripartire, ma l’avversario è tra i più scorbutici: il nuovo Bologna del grande ex Sinisa Mihajlovic ha sbancato San Siro due volte negli ultimi tre anni e ha imparato a difendere e a fare punti anche giocando “sporco”. Grazie alla presenza in attacco di un altro ex nerazzurro…

Quote del: 16/09/2021

Calcio d’inizio: sabato 18 settembre 2021, ore 18

Sede: Stadio Giuseppe Meazza, Milano

INTER-BOLOGNA
LE QUOTE LIVE

Inter-Bologna, la presentazione

Dopo poco meno di 100 giorni sulla panchina dell’Inter Simone Inzaghi ha già provato tutte le gradazioni possibile che può subire il morale di un allenatore. Una vittoria straripante per iniziare, contro il Genoa, una più sofferta per dare continuità, contro il Verona, e infine due battute d’arresto, parziale quella contro la Sampdoria, totale quella al debutto in Champions League contro il Real Madrid, dolorose più per lo svolgimento delle partite che per i risultati in sé stessi e le loro conseguenze sulla classifica.

Eppure è già tempo di voltare pagina, perché il primo tour de force della stagione è appena iniziato. A San Siro per l’anticipo della quarta giornata arriva il Bologna di Sinisa Mihajlovic, mai un avversario normale per l’Inter, ma da quest’anno pure per il suo allenatore. Simone e Sinisa sono stati infatti compagni per cinque anni nella Lazio dei trionfi di inizio Millennio ed ora si ritrovano dall’altra parte della barricata, forse senza aspettarselo. Perché se Sinisa per carattere e mentalità era un predestinato della panchina, Simone è un “self made mister”, che durante il proprio percorso ha vinto scetticismi e trofei, ben tre alla guida della Lazio, dove approdò quasi per caso, in principio come traghettatore, per poi affermarsi fino a meritare la chiamata di una grande. Quella che Mihajlovic non fa mistero di sognare da anni, ma che non è ancora arrivata.

Intanto alla prima sfida diretta della stagione le due squadre arrivano sorprendentemente a pari punti, seppur dopo percorsi differenti. Perché se l’Inter recrimina per l’1-1 contro la Sampdoria che ha negato la partenza perfetta, il Bologna ha saputo rialzarsi dopo l’inizio shock in Coppa Italia contro la Ternana e dopo aver visto le streghe alla prima giornata contro la Salernitana e veleggia in alto, complice un calendario amico, ma anche la solidità mostrata in casa dell’Atalanta.

Ad aver cambiato volto ai rossoblù ha contribuito non poco Marko Arnautovic, altro ex illustre della giornata. La meteora dell’Inter pigliatutto di Mourinho rappresenta quella prima punta che Mihajlovic invocava da anni, indispensabile per migliorare il rendimento di tutta la squadra, non solo a livello realizzativo, ma anche nell’economia del gioco della squadra, come visto proprio a Bergamo dove l’austriaco ha saputo reggere da solo il peso dell’attacco in particolare nel secondo tempo vissuto in trincea.

Le probabili formazioni

Le scelte di formazione di Inzaghi e Mihajlovic non possono che risentire della settimana differente, ma non troppo, vissuta dalle due squadre. Da una parte un’Inter che ha dovuto affrontare il debutto stagionale in Champions League con diversi giocatori non al meglio, dall’altra un Bologna che sì non ha avuto impegni infrasettimanali, ma che in campionato è stato impegnato nel posticipo del lunedì contro il Verona, decisione della Lega che non ha certo fatto felice Mihajlovic proprio nell’ottica della preparazione dell’anticipo del sabato successivo in casa dell’Inter.

Inzaghi dovrebbe rinfrescare la formazione di partenza con almeno un paio di innesti: certo il debutto da titolare di Dumfries, probabile la staffetta Correa-Dzeko in attacco, in preallarme anche D’Ambrosio e Dimarco. Mihajlovic non dovrebbe invece toccare la formazione che ha battuto il Verona, eccetto il possibile avvicendamento a centrocampo tra Dominguez e il più tattico Schouten.

Inter (4-3-3): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Dumfries, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Dimarco; Lautaro Martinez, Correa.  All.: S. Inzaghi.

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; De Silvestri, Medel, Bonifazi, Hickey; Svanberg, Schouten; Orsolini, Soriano, Barrow; Arnautovic. All.: S. Mihajlovic.

Inter-Bologna, quote e pronostico

Quella tra Inter e Bologna è una sfida storica per il calcio italiano, con ben 148 capitoli complessivi. Anzi, 149, visto che nel computo dei precedenti va incluso lo storico spareggio-scudetto del 1963, unico nel suo genere nella storia del calcio italiano, vinto 2-0 dal Bologna che il 7 giugno 1964 in un Olimpico di Roma strapieno conquistò il settimo e al momento ultimo scudetto della propria storia.

Venendo ai tempi recenti, i numeri dicono che l’Inter, che pure vanta 41 successi nei 74 confronti casalinghi di campionato contro il Bologna, con dodici sconfitte, ha vinto solo tre degli ultimi nove incroci a San Siro contro gli emiliani (tra i quali l’ultima sfida in assoluto, il 3-1 del 5 dicembre 2020), con due pareggi e ben quattro sconfitte.

Il Bologna è passato nel San Siro nerazzurro addirittura quattro volte negli ultimi nove incontri: dalla stagione 2011-2012 solo la Juventus ha conquistato più successi contro l’Inter (cinque). Due di queste affermazioni il Bologna le ha ottenute proprio con in panchina Sinisa Mihajlovic: 1-0 il 3 febbraio 2019 nella prima partita della seconda esperienza del tecnico serbo alla guida dei rossoblù e 2-1 il 5 luglio 2020 con l’incredibile rimonta nel finale firmata Juwara-Barrow.

Tra le quote proposte, tuttavia, nonostante le fatiche fisiche e mentali della Coppa, puntiamo sulla vittoria dell’Inter, ma con scarto ridotto e pochi gol totali. I nerazzurri hanno un motivo in più per cercare il successo, quello di allungare la striscia di vittorie casalinghe consecutive in Serie A: al momento sono 17, solo il Milan nel 1950 (19), il Torino nel 1948 (21) e la Juventus nel 2014 (25) e nel 2017 (33) hanno fatto meglio. Il podio è vicino…

INTER-BOLOGNA
LE QUOTE AGGIORNATE

Crediti Immagine: Getty Images

X