Mollema Giro d'Italia

Giro d’Italia oggi: percorso, altimetrie, favoriti, quote e pronostico della tappa 15

Al Giro d’Italia oggi si corre la tappa nr. 15, che conclude la seconda settimana della Corsa Rosa. Si tratta di una tappa alpina dalle pendenze non impossibili, ma nella quale i corridori rischiano di pagare le fatiche di sabato. Dopo l’arrivo a Torino ci si trasferisce in Valle d’Aosta, che riabbraccia la Corsa Rosa dopo 37 anni con un pomeriggio da 4000 metri di dislivello.

GIRO D’ITALIA 2022
LE QUOTE LIVE

Giro d’Italia oggi: la presentazione tappa 15

Dopo lo show di Simon Yates nella tappa di Torino che ha stravolto la classifica generale proiettando Richard Carapaz in maglia rosa, la seconda settimana del Giro d’Italia 2022 si conclude con un arrivo in salita. Partenza da Rivarolo Canavese e arrivo a Cogne dopo tre Gpm: un crescendo di difficoltà che imporrà ai big di mettere da parte i tatticismi, come del resto è accaduto a Superga e sulla Maddalena. Per prendere fiato ci sarà tempo lunedì, ultimo giorno di riposo prima di una settimana finale senza rete.

Giro d’Italia oggi: percorso e altimetrie, tre Gpm e 4000 metri di dislivello

Cogne torna ad essere sede d’arrivo del Giro dopo 37 anni. Era il 1985 quando, in occasione del 100° anniversario dell’istituzione del Parco nazionale del Gran Paradiso, la tappa numero 20 dell’edizione 68 vide il successo dello statunitense Andrew Hampsten, che avrebbe poi trionfato al Giro tre anni più tardi. Ora il percorso sarà molto differente e quasi interamente in Valle, dove si entrerà pochi chilometri dopo il via da Rivarolo.

A Cogne si arriverà dopo 177 km con 4030 metri di dislivello e ben tre Gran premi della Montagna. Le difficoltà della tappa sono essenzialmente legate al fatto che le salite in programma, pur non avendo pendenze particolarmente proibitive, saranno in sequenza, tutte concentrate negli ultimi 70 km.

I primi 100 km saranno infatti piuttosto semplici, mentre l’indice di difficoltà inizierà a salire dopo lo sprint intermedio di Pollen al km 90, che precederà l’inizio della salita verso Pila-Les Fleurs, di 12,3 km al 6,9% di pendenza media con punte del 15% a metà ascesa. Il tempo di andare in picchiata verso Aosta e la strada tornerà a impennarsi con la salita di prima categoria verso Verrogne, di 13,8 km al 7,1%. In cima al Gpm mancheranno 37 km al traguardo e dopo 15 km di discesa ecco la salita conclusiva verso Cogne, lunga quindi 22 km al 4,3% di pendenza, ma impegnativa però solo nelle prime rampe, con tratti all’11%.

Giro d’Italia oggi: quote e pronostico

La “fuga bidone” durante la tappa con arrivo a Genova che aveva riportato Wilco Kelderman tra i primi 15 della generale ha creato un’abbondanza di capitani all’interno della Bora-Hansgrohe, con il tedesco punta aggiunta rispetto al connazionale Emanuel Buchmann e a Jai Hindley. Sulla carta si poteva pensare alla nascita di una pericolosa lotta interna e invece il team tedesco ha sfruttato lo stato di forma dei propri big nella tappa di Torino per sferrare un attacco a tre volto a isolare Carapaz. L’obiettivo non è stato centrato, ma se vedere l’ecuadoriano in maglia rosa non è stato certo sorprendente, gli appena sette secondi di ritardo in classifica di Hindley fanno dell’australiano un candidato più che autorevole per il successo finale.

Non è quindi da escludere che il secondo classificato al Giro 2020 decida di andare all’attacco anche in Valle d’Aosta, sebbene staccare Carapaz sul proprio terreno, in una tappa in cui 46 degli ultimi 80 km saranno in salita, sembri un’impresa quasi impossibile. Appare allora più probabile che Hindley questa volta giochi d’attesa. Difficile, inoltre, che venga concesso spazio a Nibali e Pozzovivo, rientrati in classifica, così come che Juanma Lopez abbia le gambe per provare ad attaccare dopo aver detto addio ai sogni di gloria.

Tra i favoriti rientrano allora a pieno titolo lo stesso Yates, per una doppietta che farebbe storia, ma anche Giulio Ciccone e Lorenzo Fortunato, che prima della fine del Giro puntano a una tappa di prestigio adatta alle proprie caratteristiche, così come gli altri attaccanti più in vista nelle prime due settimane, da Bauke Mollema a Mauri Vansevenant fino a Rein Taaramae e a Koen Bouwman, senza trascurare Attila Valter, deciso a tornare protagonista al Giro dopo i tre giorni in rosa del 2021. Per le quote sul Giro di oggi, puntiamo su Mollema.

GIRO D’ITALIA 2022
LE MIGLIORI QUOTE

Crediti Immagine: Getty Images

X