Milano-Sanremo 2022

Milano-Sanremo 2022: tutti contro Pogacar! Percorso, favoriti e pronostico della Classicissima di Primavera

Alla vigilia dell’equinozio di primavera la stagione ciclistica vive una delle sue giornate più attese, quella della Milano-Sanremo 2022, prima Classica dell’anno. Il ritorno all’antico nel percorso e la forma smagliante dei favoriti lasciano immaginare un’edizione ad alto contenuto spettacolare. Pogacar già in forma smagliante, ma in Riviera sarà lotta serrata.

MILANO-SANREMO 2022
LE QUOTE LIVE

Milano-Sanremo 2022: un percorso che sa di ritorno all’antico 

L’annata ciclistica 2022 inaugura la stagione delle Classiche con la Milano-Sanremo. L’edizione 2022, la numero 113 della storia, lunga 293 km, sarà contrassegnata da due importanti novità nel percorso, che riguardano la partenza e un passaggio chiave.

Per la prima volta la Milano-Sanremo partirà dal velodromo Vigorelli, uno dei luoghi sacri del ciclismo italiano e mondiale. Tempio di diverse Sei Giorni oltre che di arrivi del Giro di Lombardia e di tappe conclusive del Giro d’Italia, ma che mai, dalla sua inaugurazione nel 1935, aveva ospitato il foglio firme della Sanremo, sebbene la partenza vera e propria sarà come sempre in via della Chiesa Rossa.

Inoltre, dopo due anni di assenza i corridori torneranno a scalare il Passo del Turchino, che fungerà da aperitivo, trattandosi di una salita lunga (quasi 26 km), ma più che pedalabile (pendenza media all’1,5% con punte al 5,7%), di un percorso ispirato alla tradizione e la cui ascesa inizierà dopo il passaggio da Ovada che concluderà l’attraversamento della riviera di Ponente.

Da Imperia in avanti alla Milano-Sanremo 2022 si sentirà profumo di storia con l’ascesa ai tre Capi, Mele, Cervo e Berta, che precederanno i tradizionali passaggi-chiave delle salite della Cipressa, lunga 5,6 chilometri con il 4.1% di pendenza, e del Poggio, 3,7 km con pendenza media prossima al 4%, ma con punte all’8%. A quel punto, dopo lo scollinamento, ci sarà da evitare rischi nei circa 6 km di discesa, molto tecnica e ricca di curve, ma che vivrà l’ultimo terzo sui rettilinei cittadini.

Milano-Sanremo 2022: il dominio dell’Italia e il sogno del Belgio

Sono finora 12 le nazioni differenti che hanno visto un proprio corridore trionfare alla Sanremo. Schiacciante la superiorità dell’Italia nell’albo d’oro, con 51 successi, costruita però essenzialmente tra gli anni ’10 e i ’50. L’Italia è comunque la nazione con più successi nel nuovo Millennio, cinque, ma uno solo negli ultimi 15 anni, quello di Nibali nel 2018, davanti ai quattro della Germania.

Se l’attesa, come testimoniano le scommesse sportive online, è tutta per la Slovenia di Pogacar e Roglic, un ruolo da protagonisti dovrebbero averlo anche i corridori belgi, che hanno conquistato quattro podi su nove negli ultimi tre anni e sono reduci da due vittorie consecutive. Wout Van Aert, già vincitore nel 2020 e terzo nel 2021 nell’edizione vinta a sorpresa da Jasper Stuyven, punterà a regalare alla propria nazione un tris consecutivo già registrato in due occasioni, l’ultima tra il 1971 e il ’73 grazie alla doppietta di Eddy Merckx e all’acuto di Roger De Vlaeminck.

Milano-Sanremo 2022: favoriti, quote e pronostico

Le prime settimane del 2022 ciclistico hanno parlato quasi interamente sloveno. Sebbene infatti il Tour de France, che anche quest’anno rappresenterà il principale obiettivo della stagione di Tadej Pogacar, sia ancora lontano, il dominatore delle ultime due edizioni della Grande Boucle è già in forma smagliante, come testimoniato dai trionfi alla Tirreno-Adriatico e in precedenza all’UAE Tour, ma soprattutto alle Strade Bianche.

Tutto lascia pensare che Pogacar possa diventare il primo sloveno a trionfare a Sanremo. Magari provando lo scatto sul Poggio, scelta che da una parte potrebbe essere piuttosto “telefonata”, ma che dall’altra pare essere una di quelle più sicure per cercare di battere il prevedibile gioco di squadra della Jumbo-Visma. La squadra olandese, al momento la più forte al mondo nelle brevi corse a tappe o nelle gare di un giorno, si affiderà alla coppia formata da Wout Van Aert e da Primoz Roglic, con il connazionale di Pogacar che nonostante la forma mostrata trionfando nella Parigi-Nizza sembra destinato a un ruolo di gregario per il belga.

Le quote su tutto il ciclismo internazionale lasciano pochi dubbi nell’indicare il favorito anche nel caso in cui la corsa si decida allo sprint di gruppo, come successo nel 2021: in questo caso Caleb Ewan sembra avere le carte in regola per riscattare la delusione del secondo posto di 12 mesi fa. Ci sbilanciamo per il bis di Van Aert.

MILANO-SANREMO 2022
TUTTE LE QUOTE

Crediti Immagine: Getty Images

X