Jannik Sinner Roma

Pronostici tennis oggi: all’ATP Roma 2022 va in scena Sinner vs Martinez, fari puntati anche su Fokina-Auger Aliassime e Raducanu-Andreescu

Per i pronostici tennis oggi non ci si muove dagli Internazionali d’Italia 2022. Dopo l’infausta prima giornata per i tennisti italiani, il programma del secondo giorno di match al Foro Italico vedrà il debutto di Jannik Sinner, il più atteso del contingente azzurro all’ATP Roma 2022. L’esordio contro Martinez non dovrebbe riservare sorprese, a differenza di diversi altri match disegnati dal tabellone.

Pronostici tennis oggi: ATP Roma 2022

Agli Internazionali d’Italia è solo la seconda giornata di gare, ma i match interessanti già non mancano anche sotto il profilo delle quote sul tennis internazionale. Nel tabellone maschile come in quello femminile gli incroci di livello tecnico superiore e dall’esito imprevedibile metteranno di fronte specialisti della terra a caccia della forma migliore e rivelazioni dell’inizio di stagione decise a continuare a stupire.

Alejandro Davidovich Fokina-Félix Auger-Aliassime

Inizia con un test probante l’avventura a Roma di Felix Auger-Aliassime. Dopo aver usufruito di un bye al primo turno il canadese debutta al Foro Italico contro un avversario scomodo e pericoloso su questa superficie come lo spagnolo di origini russe. Dopo la finale raggiunta a sorpresa a Montecarlo e persa contro Tsitsipas Davidovich Fokina è rimasto su buoni livelli, raggiungendo i quarti all’Estoril e arrendendosi ai sedicesimi a Madrid contro Hurkacz.

A dispetto di caratteristiche che non si addicono propriamente alla terra, Auger-Aliassime, fermatosi ai quarti negli ultimi tre tornei dello swing a Barcellona, Estoril e Madrid, parte favorito in un match che sarebbe comunque stato più degno di andare in scena nei turni successivi. Difficile immaginare che il canadese si farà sfuggire l’occasione di arrivare senza insidie fino ai quarti di finale e al teorico incrocio con Djokovic.

AUGER-ALIASSIME VINCE IN 3 SET @ 4,25

Emma Raducanu-Bianca Andreescu

Escursione nel tabellone femminile per un incontro che ha poco del primo turno di un torneo 1000, ma che mette di fronte due teenagers a caccia della gloria, seppur finora fugace, perduta. Non è da tutti i giorni vedere due campionesse di uno Slam, anzi dello stesso torneo, nella fattispecie gli US Open, affrontarsi già al primo turno di un torneo di livello come gli Internazionali d’Italia. Eppure a disegnare questo strano derby britannico-canadese-rumeno sono state le difficoltà incontrate dopo i rispettivi exploit a Flushing Meadows, datati 2019 per Raducanu, testa di serie numero 10 al Foro, e 2021 per Andreescu, la cui presenza nella entry list è stata possibile grazie al “protected ranking”, una sorta di tutela per infortunati di lungo corso.

Andreescu si fa preferire per l’adattabilità alla superficie, considerando che Raducanu è fresca di primo successo in carriera sulla terra alla Billie Jean King Cup, ma la statunitense è tornata su ottimi livelli proprio in questo inizio di 2022, con tanto di best ranking a ridosso della top ten e quarti raggiunti a Stoccarda. Il tabellone, con probabile incrocio contro Swiatek al terzo turno, non è favorevole, ma Raducanu può fare ulteriore esperienza sulla terra.

RADUCANU VINCE IN 3 SET @ 4,60

Pedro Martinez-Jannik Sinner

È tempo di primo turno agli Internazionali anche per Jannik Sinner. L’altoatesino, testa di serie numero 10 del torneo, godrà della cornice serale del Centrale del Foro Italico per la sfida contro il non irresistibile spagnolo Pedro Martinez. In palio c’è la possibilità di affrontare Fabio Fognini in un suggestivo derby al secondo turno che garantirebbe la presenza di un italiano agli ottavi, estinguendo però ulteriormente il contingente azzurro al Masters 1000 romano, già ridottosi significativamente nella prima giornata.

L’appuntamento con gli Internazionali rappresenta per Sinner qualcosa di molto vicino a una prova di maturità in una superficie nella quale il talento di San Candido si è sempre trovato a proprio agio. Mai capace in stagione di superare lo scoglio dei quarti di finale tra Australian Open, Dubai e Montecarlo, Sinner sembra poter vivere un cammino piuttosto lungo a Roma, complice la rinuncia di Alcaraz, che era stato sorteggiato proprio nella parte del tabellone di Jannik. Il primo ostacolo dovrebbe essere facile facile, contro un giocatore esperto (classe ’97), ma conosciuto essenzialmente come doppista, pur essendo reduce proprio lo scorso febbraio dal primo titolo vinto in carriera in singolare, a Santiago del Cile superando in finale il Next Gen Sebastian Baez.

SINNER VINCE IN 2 SET @ 1,62

Crediti Immagine: Alamy

X