Roma-Milan: Ibra sfida il maestro Mourinho, Rebic non ce la fa, giallorossi coi titolarissimi

Roma-Milan: Ibra sfida il maestro Mourinho, Rebic non ce la fa, giallorossi coi titolarissimi

Il posticipo domenicale della 11.a giornata di Serie A è di quelli da non perdere: Roma-Milan, cioè quarta contro prima. I rossoneri vincono da sei giornate consecutive e sono protagonisti della miglior partenza in campionato del club dal 1954-55 in avanti; la Roma è in ripresa, dopo le due sanguinose sconfitte rimediate contro la Juventus e il Bodo/Glimt. Pioli recupera qualche pezzo da novanta, come Theo Hernandez e Brahim Diaz, mentre Rebic alza bandiera bianca. Per Mourinho in campo i titolarissimi, con le sole eccezioni degli infortunati Smalling e Spinazzola.

Quote del: 29/10/2021

Fischio d’inizio: domenica 31 ottobre, ore 20.45

Sede: Stadio Olimpico, Roma

ROMA-MILAN
LE QUOTE LIVE

Roma-Milan, la presentazione

Al Portello tutti faranno gli scongiuri del caso, ma la storia recente dice che Roma-Milan si legge “scudetto”, almeno quando ci sono di mezzo i rossoneri. In entrambe le occasioni in cui il Diavolo, nel XXI secolo, si è laureato campione d’Italia, il sigillo finale sulla pergamena è stato apposto proprio nelle gare contro i giallorossi. Nel maggio 2004 a San Siro, quando l’inseguitrice era proprio la Roma (1-0, gol di Shevchenko) e nel 2011 all’Olimpico, con uno 0-0 che suggellò l’ultimo tricolore vinto dal Milan fino a questo momento.

[prosegue dopo l’infografica]

In qualunque modo finisca domenica sera, è chiaro che non sarà nulla di definitivo, in un senso o nell’altro. Impossibile, a nemmeno un terzo di campionato, trarre conclusioni di qualche tipo. Eppure, è altrettanto evidente che un eventuale successo del Milan corazzerebbe ulteriormente le già manifeste ambizioni rossonere. D’altra parte, non si è primi per caso, con quel tipo di score dopo 10 giornate. A maggior ragione se i 28 punti sui 30 a disposizione sono arrivati in una situazione di perenne emergenza-infortuni: significa che, al di là dei nomi sulla maglietta, Pioli è riuscito a forgiare una squadra nel vero senso della parola, capace di vincere e giocare bene quando le è possibile farlo (spesso), ma in grado, alla bisogna, anche di condurre il veliero in porto senza badare troppo all’estetica, com’è accaduto nelle ultime tre gare contro Verona, Bologna e Torino.

D’altra parte, contro la Roma servirà qualcosa in più di ciò che è stato messo sul piatto nelle gare più recenti. Vero, i giallorossi sono squadra mercuriale se ce n’è una, in grado di vincere sei gare di fila a inizio stagione, ma anche di cadere vittima di improvvisi quanto drammatici cali di tensione, come quelli che gli sono costati il derby, la sfida contro la Juve e la faccia in Norvegia. Insomma, qualcosa di simile a un incubo, per chi studia da vicino le migliori quote scommesse sul calcio. Ed è proprio da questa imprevedibilità che dovrà guardarsi il Milan, anche perché dalla metà campo in su la Roma ha qualità da vendere. E poi c’è il fattore-Mou, uno a cui non dispiacerebbe affatto sgambettare il Diavolo.

Le probabili formazioni

José Mourinho è intenzionato a proporre la miglior Roma possibile, e nessuno si può sorprendere vista la considerazione che nutre verso le sue seconde linee. Il portoghese ha tutta la rosa a disposizione, tranne i soliti noti Smalling e Spinazzola. L’unico dubbio per il portoghese riguardava l’esterno alto a sinistra. Chi tra Mkhitaryan o El Shaarawy, uno degli ex di turno, a completare il tridente di trequartisti alle spalle di Abraham (gli altri sono Pellegrini e Zaniolo). Alla fine, come del resto prevedibile, l’ha spuntata l’armeno, che scenderà dunque in campo dal primo minuto.

Su sponda rossonera, Pioli può riabbracciare Brahim Diaz, anche lui guarito dal Covid come Theo qualche giorno prima: entrambi saranno schierati dall’inizio all’Olimpico. Non ce l’ha fatta invece Ante Rebic: il croato è ancora alle prese con la distorsione alla caviglia rimediata in Portogallo e Pioli, in vista di Porto e Inter, ha preferito non rischiarlo. Kjaer, fresco di rinnovo fino al 2024, farà coppia con l’intoccabile Tomori in difesa, mentre in mediana saranno confermati Tonali e Kessié. In avanti prosegue l’alternanza tra giganti: questa volta sarà Ibrahimovic a partire dall’inizio, con Giroud pronto a subentrare. Per lo svedese si tratta di una gara particolare, contro quel Mourinho che lo ha allenato per una stagione all’Inter e per una al Manchester United, e con cui ha stretto un rapporto di enorme rispetto.

Roma (4-2-3-1): Rui Patricio; Karsdorp, Mancini, Ibanez, Vina; Cristante, Veretout; Zaniolo, Pellegrini, Mkhitaryan; Abraham. All. Mourinho

Milan (4-2-3-1): Tatarusanu; Calabria, Kjaer, Tomori, Hernandez; Tonali, Kessié; Saelemakers, Diaz, Leao; Ibrahimovic. All. Pioli

Roma-Milan, quote e pronostico

Sono ben 15 le gare di imbattibilità in campionato per il Milan di Stefano Pioli: nessuno, nei cinque maggiori campionati europei, può godere di una striscia aperta più lunga. Di fatto, i rossoneri non perdono dal 26 aprile scorso, proprio all’Olimpico, sponda Lazio (3-0). Da allora sono arrivate 13 vittorie e due pareggi, con 37 reti all’attivo e solo nove al passivo. E delle 17 gare esterne disputate in Serie A nel 2021, ben 14 si sono concluse con un successo rossonero (1N, 2P). Numeri che confermano, semmai ce ne fosse bisogno, che il Diavolo ha raggiunto una continuità di rendimento e una maturità tale da poter essere considerato a pieno diritto una contender, cosa impensabile solo un anno e mezzo fa.

Detto questo, lo stato di forma del Milan non è eccellente: certo, le vittorie di fila in Serie A sono sei, ma le ultime tre sono arrivate col fiatone. I troppi infortuni hanno costretto Pioli a spremere qualche titolare (Tomori, Tonali, Leao) e le alternative, soprattutto sulla trequarti, restano limitate (ancora indisponibili Florenzi, Messias, Castillejo e Rebic a mezzo servizio). Ibra e Giroud, però, sono in evidente crescita, e questo dovrebbe garantire i gol – e d’altra parte il Milan ne ha fatto almeno uno in 14 delle ultime 15 giornate (tranne che nello 0-0 contro il Cagliari della scorsa stagione), e 32 volte nelle ultime 34 trasferte.

Anche la Roma gode del potenziale offensivo necessario a far male alla difesa rossonera, che ultimamente ha scricchiolato un po’ troppo. Consigliamo Goal già dopo il primo tempo, visto che per le quote di oggi sulla Serie A 2021-22 paga un invitante 3,80. Oppure, se abbiamo ben chiaro come si fa a scommettere sui pareggi, potremmo abbinare il Goal all’X. Ma segnaliamo anche che il semplice 2 è pagato 3,00: una quota decisamente interessante, quando si parla della capolista che ha quel genere di rendimento in trasferta.

ROMA-MILAN
TUTTE LE MIGLIORI QUOTE

Crediti Immagine: Getty Images

X