Gianmarco Tamberi - quote finale salto in alto Olimpiadi Tokyo

Dove può arrivare Gianmarco Tamberi nella finale olimpica del salto in alto

Il primo obiettivo, quello della finale olimpica, è centrato. Domani, intorno al mezzogiorno italiano, Gianmarco Tamberi proverà a vincere l’agognata medaglia. Non sarà semplice, perché molti dei 12 avversari sono decisamente insidiosi. Uno di questi sembra imbattibile, ma l’azzurro è assolutamente tra quelli che possono sfoggiare ambizioni da podio. E poi c’è sempre l’emozione di un’Olimpiade, che può capovolgere tutto. Vediamo insieme dove può arrivare Gianmarco Tamberi nella finale olimpica del salto in alto.

Gianmarco Tamberi e la finale olimpica: un lungo inseguimento

La carriera di Gianmarco Tamberi è ormai vicina ai 10 anni, eppure l’altista azzurro non è mai riuscito a lasciare il segno ai Giochi Olimpici. Qualificato a Londra nel 2012 a soli 20 anni, non riuscì tuttavia ad accedere alla finale. Il futuro sembrava decisamente dalla sua e infatti il marchigiano era tra i più attesi per i Giochi di Rio nel 2016, ma il destino era in agguato. Un incidente durante un (evitabile) tentativo di 2.41 a un meeting in Polonia, a poche settimane dalle Olimpiadi, gli causò un infortunio alla caviglia e la conseguente impossibilità di partire per Rio.

Gimbo, talento sopra le righe

Quella di Tokyo è dunque la prima finale olimpica nella carriera di un atleta di grande talento, ma che per varie ragioni – infortuni compresi – non ha forse mai reso secondo le sue reali qualità. Parliamo pur sempre di una carriera da 1 oro mondiale, oltre a 2 ori e un argento europei, dunque Tamberi non è certo considerabile come una promessa non mantenuta. Certo ci si aspettava di più, ma un eventuale risultato a Tokyo cambierebbe tutto.

Gimbo è inoltre un estroverso e che ha sempre avuto un approccio comunicativo piuttosto aggressivo e una conseguente esposizione mediatica molto marcata. Secondo i detrattori pensa un po’ troppo a fare il “personaggio” che alle prestazioni in pista, ma forse la verità è che si tratta di un ragazzo spontaneo e istintivo, forse troppo in alcune dichiarazioni (vedi la “condanna” di Alex Schwazer) ma non è certo il primo talento dotato di personalità debordante. Al di là di tutto, “Half Shave” (a proposito, vedremo se manterrà fede al rito scaramantico di tagliare solo metà barba quando si qualifica a una finale) è un personaggio di cui l’atletica ha bisogno.

Il record mondiale e le misure dei finalisti

Il record mondiale del salto in alto è sempre il 2,45 di Javier Sotomayor, stabilito ormai 28 anni fa. Oggi non sembra un limite che possa venire superato facilmente, anche se uno dei finalisti ha un personale che vi si avvicina molto. Parliamo di Mutaz Essa Barshim, 30enne qatariota di origini sudanesi che sembra l’unico fuoriclasse che il salto in alto ha saputo proporre negli ultimi anni. Il suo personale di 2,43 risale al 2014, quest’anno non è ancora andato sopra ai 2,30 ma è campione mondiale in carica e sempre l’uomo da battere. Le migliori prestazioni mondiali stagionali sono i 2,37 del russo Ivanyuk e del bielorusso Nedeskau. Quest’ultimo ha ottenuto tale misura agli Europei, in un bellissimo duello proprio col nostro Tamberi, che in quell’occasione si fermò a 2,35.

A 2,36 è arrivato quest’anno lo statunitense JuVaughn Harrison, uno da tenere d’occhio per varie ragioni. Innanzitutto perché ha soltanto 22 anni, e poi perché è riuscito a qualificarsi sia per la finale del salto in alto che per quella del salto in lungo. Per dire, l’ultimo che era riuscito a fare qualcosa del genere era stato il leggendario Jim Thorpe, pluricampione di origini pellerossa degli inizi del secolo scorso.

Gianmarco Tamberi e la finale di Tokyo: quote e pronostico

Le quote sui Giochi Olimpici sembrano unanimemente indicare nel qatariota Barshim il favorito per la medaglia d’oro, a 2,85. I rivali più vicini, con quote tra il 6,00 e l’8,00, sono i russi Akimenko e Ivanyuk, il bielorusso Nedeskau e lo statunitense Harrison. Leggermente dietro a questi parte Gianmarco Tamberi, dato a 12,00. Gli altri sembrano contare meno, anche se una finale olimpica fa sempre storia a sé.

Finale del salto in alto maschile: dove vederla in tv

La finale del salto in alto maschile delle Olimpiadi di Tokyo è in programma alle 12.10 italiane del 1 agosto 2021 e sarà trasmessa su diverse piattaforme: in tv in chiaro su Rai 2, ma anche online su Discovery Plus ed Eurosport Player.

ATLETICA ALLE OLIMPIADI
TUTTE LE QUOTE

Crediti immagine: Getty Images

X