Pronostici sul primo tempo

Pronostici sul primo tempo: statistiche e metodi da usare

“Le partite finiscono al novantesimo” è uno dei proverbi calcistici più famosi e abusati. Non che dica qualcosa di sbagliato, recupero a parte. Tuttavia, nel mondo delle scommesse questo non è affatto scontato. Si può infatti scommettere su qualsiasi frazione di partita, ma una delle più intriganti rimane quella dei pronostici sul primo tempo.

Per orientarsi nel migliore dei modi in questo mercato, è il caso di conoscere quante e quali sono le giocate possibili, dati e statistiche sui primi tempi e in questa guida troverai tutto ciò che ti serve per essere preparato al massimo.
Ogni campionato, infatti, ha le proprie tendenze e, all’interno di esso, ogni squadra ha caratteristiche. Basta guardare alla nostra Serie A e precisamente alle stagioni 2019/20 e 2020/21. Osservando la classifica relativa ai soli primi tempi si notano delle differenze di rendimento che per alcune squadre sono davvero importanti. Qualcosa di cui, sicuramente, chi si occupa di pronostici sul calcio dovrebbe tenere conto.

In questa guida scopriremo:

Tipi di pronostici sui primi tempi

È possibile scommettere su vari tipi di pronostici sui primi tempi, un mercato molto simile a quello sulla partita nei 90 minuti. Tra le giocate più comuni troviamo l’1X2 primo tempo, ossia quel tipo di puntata con cui si mira ad indovinare come finirà il primo tempo di una partita.
Lo stesso meccanismo è applicabile anche per l’1X2 Handicap primo tempo, per giocate come il pari/dispari primo tempo e la doppia chance primo tempo.
Sono immancabili poi gli under/over primo tempo, giocate in cui analogamente a quando si punta sull’under/over al fischio finale, prendono in considerazione il numero di goal segnati dei primi 45 minuti. Generalmente sono disponibili under/over 0,5, 1,5 e 2,5.
Lo stesso discorso vale per il gol/no gol primo tempo, in cui lo scopo è pronosticare se nel primo tempo di una partita sarà soltanto una squadra a segnare, o nessuna o tutte e due.
Ma non è finita: sul primo tempo è possibile anche giocare il risultato esatto (sempre al termine dei primi 45 minuti), scegliendo tra una serie di risultati quotati e l’opzione altro che indica tutti gli altri eventuali risultati.

Confrontare la classifica primi tempi con quella reale

Prendiamo ad esempio l’Inter, che ha vinto il campionato 2020/21 con 91 punti in virtù di 28 vittorie, 7 pareggi e 3 sconfitte. Se però si prendono in considerazione i soli primi tempi l’Inter sarebbe solo sesta avrebbe solo 61 punti, grazie a 15 vittorie, 16 pareggi e 7 sconfitte. Ciò significa che la squadra di Conte ha avuto nelle sue caratteristiche quella di uscire alla distanza. Portando queste constatazioni sul piano della strategia per le scommesse, è evidente che scommettere su Inter e Lazio nei primi tempi non sarebbe la cosa più profittevole da fare.

A qualcosa di molto vicino all’estremo opposto si colloca il Parma. I gialloblu hanno concluso il campionato all’ultimo posto con 20 punti, ottenuti tramite 3 sole vittorie e 11 pareggi, a fronte di ben 24 sconfitte. Bene, se si considerassero solo i primi tempi il Parma sarebbe nettamente salvo: la sua classifica dopo i primi 45′ recita addirittura 40 punti (9 vittorie, 13 pareggi, 16 sconfitte). Venti punti in meno significano solo una cosa: per il Parma il campionato 2020/21 è stato disastroso, ma il bilancio di chi dovesse aver puntato soldi sulla sua vittoria o pareggio a fine primo tempo, viste le quote probabilmente alte, sarebbe stato positivo.

Pronostici sui gol nel primo tempo

Dopo i pronostici sull’1X2 nei 45 minuti iniziali, tra le scommesse più gettonate sui primi tempi c’è quella sul gol/no gol, in cui si deve pronosticare se nella prima frazione di gioco segneranno entrambe le squadre oppure no. È ben chiaro come, con meno tempo a disposizione rispetto all’intera durata della partita, le possibilità che si verifichi l’eventualità che tutte e due le squadre in campo vadano in rete prima della fine dei 45 minuti di gara iniziali sono più basse.
A evidenza di ciò, ci sono le statistiche sui gol/no gol della stagione 2020/21 che, con minime oscillazioni, si stanno confermando anche in questa annata. Ecco i dati dei primi cinque campionati europei 2020/21:

  • Serie A 78,1% NG-21,% GOL (380 partite)
  • Premier League 78,2% NG-21,8% GOL (380 partite)
  • Bundesliga 77,8% NG-22,2% GOL (306 partite)
  • Liga 80,3% NG-19,7% GOL (380 partite)
  • Ligue 1 80% NG-20% GOL (279 partite)

Anche andando al di là dei top-5 campionati europei, i numeri non sono molto diversi. Anzi, colpisce il caso della Segunda Division spagnola con ben l’89% delle partite che nel primo tempo terminano con il segno NO GOL.
È possibile, dunque, a grandi linee, stimare una media europea di goal/no goal primo tempo: circa 8 volte su 10 solitamente i primi 45 minuti terminano senza entrambe le squadre in gol. Servirà poi lo studio approfondito delle singole squadre, dello stato di forma che stanno vivendo, il match che vanno ad affrontare e, cosa da non sottovalutare, l’istinto a permetterti di fare la scommessa giusta.

Pronostici sul risultato esatto del primo tempo

Se indovinare l’esito finale di una partita è una delle più grandi soddisfazioni nell’ambito del betting, indovinare il risultato esatto alla fine del primo tempo non è di certo da meno. Nei top-5 campionati europei sono tre i risultati più comuni alla fine della prima frazione di gioco: nell’ordine esatto 0-0, 1-0 e 0-1.
Tra gli scommettitori, in genere, sono due le strategie che vengono utilizzate per indovinare il risultato esatto del primo tempo. C’è, ad esempio, chi utilizza un approccio matematico, tramite l’utilizzo di regole e formule matematiche per creare dei sistemi di gioco che possano dare un aiuto a raggiungere la vittoria. Si tratta di un modo di scommettere che si basa molto sulle statistiche e sullo studio e che dunque può essere utilizzato soprattutto dagli scommettitori più esperti.

C’è poi chi effettua le proprie scommesse su risultati esatti seguendo un approccio sicuramente meno matematico ma non per questo meno valido. Esso si basa soprattutto sulla propria conoscenza delle squadre protagoniste della scommessa, ed è evidente che questo modo è un di scommettere in cui ci si affida maggiormente alla fortuna.

Il metodo “pareggio primo tempo”

Pensando a una partita di calcio, è abbastanza intuitivo concludere che dimezzandone la durata diminuisce anche la possibilità di veder segnare dei gol. Pertanto scommettere sul pareggio a fine primo tempo è attività su cui esistono veri e propri studi e qualche metodo. Certo non va mai dimenticata una cosa importantissima: i metodi sicuri per vincere non esistono. Ci sono però accorgimenti e osservazioni che possono aiutarci a rendere il nostro divertimento più profittevole. Iniziamo a guardare le statistiche della Serie A in corso.

Pareggi nei primi tempi: confronto tra la Serie A e altri campionati

Su 380 partite completate, in 144 di esse il primo tempo si è concluso con un pareggio. Tradotto in percentuali significa il 37,9% delle volte, che rappresenta una cifra notevole, ma non la più alta di tutte. Andiamo allora a guardare, curiosando tra i vari campionati, quale percentuale di partite si è conclusa con un pareggio a fine primo tempo. Ecco il dato riguardante i Big 5, i 5 principali campionati nazionali europei, nelle stagioni 2020/21 e 2019/20:

Campionato 2020/21

  • Serie A 37,9% (su 380 partite)
  • Premier League 40,2% (su 380 partite)
  • Liga 44,2% (su 380 partite)
  • Bundesliga 39,1% (su 380 partite)
  • Ligue 1 33,4% (su 380 partite)

Campionato 2019/20

  • Serie A 39,2% (su 380 partite)
  • Premier League 36,8% (su 380 partite)
  • Liga 47,8% (su 380 partite)
  • Bundesliga 35,6% (su 306 partite)
  • Ligue 1 42,43% (su 279 partite)

Dati molto interessanti emergono anche da altri campionati. La Eredivisie olandese è tra le leghe a più bassa percentuale di pareggi a fine primo tempo (intorno al 33%), mentre la nostra Serie B viaggia al 42,7% nelle stagioni 2019/20 e 2020/21. Tra le cadetterie è notevole il dato del Championship, la Serie B inglese, che nelle due stagioni prese in esame ha visto una X a fine primo tempo nel 48,1% delle partite (43,3% nel 2019/20 e addirittura 53% nel 2020/21).

Pronostici sui primi tempi il caso del Championship

La più alta percentuale di pareggi a fine primo tempo è dunque quella del Championship inglese. Quasi la metà delle partite si conclude con una X al termine dei primi 45 minuti. Seguendo i nostri consigli sul calcolo delle quote sulle scommesse, scoprirete quale è la quota “reale” che esprime questa probabilità. Dividendo 100 per 48,1 avrete 2,08. Ciò significa che ogni quota superiore a 2,10 è potenzialmente vantaggiosa da giocare, in quel campionato, sulla X a fine primo tempo. Difficile trovare qualcosa di più invitante tra i pronostici sui primi tempi, ma in generale anche tra le scommesse sul calcio.

Esistono poi metodi come quello di giocare i pareggi al raddoppio, oppure quello che propone di seguire la Serie di Fibonacci. Tuttavia si tratta sempre di strategie che prevedono un bankroll piuttosto robusto e cifre da investire che potrebbero farsi troppo pesanti. Molto meglio divertirsi in altro modo, magari andando a provare qualcos’altro, tra i moltissimi tipi di scommesse sul calcio che esistono.

Altri articoli della nostra Guida Scommesse:

X