Glossario scommesse: tutti i termini da conoscere, dalla A alla Z

Glossario scommesse: tutti i termini da conoscere, dalla A alla Z

Cosa significa “Antepost”? E cosa si intende per “sure bet”? E ancora, chi è un “tipster”? Troverete queste e molte altre voci nel nostro Glossario scommesse, il più completo che si possa trovare nel mondo del betting in lingua italiana.

Tutta la terminologia delle scommesse: il glossario completo

Clicca sulla lettera corrispondente per arrivare alle definizioni che desideri ricercare:

 

A

ADM

Acronimo per “Agenzia Dogane e Monopoli”, l’ex AAMS, ovvero la massima autorità italiana in materia di gioco. Le licenze per poter offrire qualsiasi gioco con vincita in denaro vengono infatti rilasciate esclusivamente da ADM, che è anche deputata al controllo della regolarità del gioco stesso..

Aggio

Concetto intimamente legato a quello di “quote”, rappresenta il margine di guadagno del banco nelle scommesse sportive. In genere varia fra il 5 e il 12%, in base all’evento e alla tipologia di scommessa.

Antepost

Una delle prime voci in ordine alfabetico in un glossario scommesse è anche la più popolare, curiosamente. Le scommesse antepost sono tutte quelle che riguardano l’esito finale di tornei, coppe o campionati, in cui si pronostica la squadra o l’atleta vincitore di una competizione che preveda più di una partita. Ciò vale per esempio per la vittoria del campionato di Serie A, per la vincente della Champions League, ma anche per le vincenti dei vari gironi, così come per i capocannonieri e così via. Le scommesse antepost si possono effettuare sia prima che una competizione inizi che durante la stessa. Come buona parte delle terminologie riguardanti le scommesse, ante-post nasce dal mondo dell’ippica. Si chiamavano infatti così le puntate che si potevano effettuare dal momento in cui venivano dichiarati i cavalli partenti di una corsa, fino a poco prima del via. In gergo ippico il “post” è infatti il “palo”, ovvero il traguardo.

B

Bankroll

Altra voce molto importante per chi si interessa di scommesse. Il termine inglese si riferisce infatti alla disponibilità di denaro che ciascun giocatore decide di stanziare per un dato scopo di investimento. Si parla dunque di bankroll per le scommesse, per il poker, ma anche per il trading e altre attività che comprendano investimenti in denaro. Per saperne di più, leggi la nostra preziosa guida sul money management nelle scommesse.

Bonus

Si tratta di incentivi per il giocatore, che possono avvenire sotto diverse forme. Ci sono ad esempio i bonus sul deposito (in genere sul primo deposito), ma anche bonus legati a qualche promozione particolare, o anche altre tipologie che aumentano percentualmente la vincita potenziale di una giocata.

Bookmaker

Ciò da cui parte tutto, in quanto bwin è definibile un bookmaker e così lo è qualunque soggetto che offra – dietro opportuna e legale concessione – gioco, a quota fissa o a totalizzatore. Anche questo termine deriva ovviamente dal mondo delle scommesse ippiche, nelle quali l’allibratore (questa la traduzione italiana di “bookmaker”) pubblicava una lavagna (detta “book”) su cui erano segnate le quote relative ai vari cavalli di una corsa.

C

Colonna

A questo termine sono affezionati tutti coloro che hanno memoria di giochi storici per la tradizione italiana come il Totocalcio. Nelle scommesse si parla di “colonna” per una combinazione di eventi, in genere nei sistemi di scommesse o nelle multiple. Ad esempio, se giocassimo una scommessa pronosticando l’1 e l’X su una partita, e l’X e il 2 su un’altra partita, le colonne che si genererebbero da questo sistema sarebbero 4, ovvero il totale delle combinazioni possibili (1-X, 1-2, X-X e X-2).

Combo

Tipologia di scommessa piuttosto recente, ma di grande successo. “Combo” è la contrazione di “combination”, ovvero si tratta di una scommessa che prevede la combinazione di due (o più) tipologie di scommesse. Il classico esempio di combo è l’1X2 + under/over gol: se ad esempio pronostichiamo l’1 + over 2,5 gol, la scommessa risulterebbe vincente solo al verificarsi di entrambe le condizioni (in questo caso il risultato finale e la somma gol). Ad esempio perderemmo se la partita terminasse 1-0, o 2-2 e così via.

Conto

Come conto di gioco. Chiunque voglia giocare alle scommesse online deve aprirne uno presso un bookmaker provvisto di concessione governativa. Il conto verrà poi validato, con annessa verifica di identità per evitare il gioco da parte di soggetti minorenni, severamente vietato.

Coppa in mano

Voce che è piuttosto importante conoscere in un glossario di scommesse sul calcio. Si tratta di una modalità di giocata possibile nelle finali di un torneo (es. Champions League, Coppa Italia ma anche Mondiali, Europei etc). In sostanza si scommette che una data squadra si aggiudicherà la finale, indipendentemente se ciò accada entro i tempi regolamentari, con l’ausilio dei supplementari o ai calci di rigore.

Corner

Il mercato sui calci d’angolo è tra quelli emergenti nelle scommesse sul calcio. Le scommesse possibili sui corner sono in genere under/over alcune soglie predeterminate dal bookmaker, ma esistono anche le multichance (es. totale corner di una partita 8-10, 11-13 etc).

D

Deposito

Intimamente legato al concetto già visto di “conto”. Una volta aperto un conto è consuetudine effettuare un deposito in denaro, almeno se si è intenzionati a scommettere. Non è in alcun modo obbligatorio, e in alcuni casi si può anche usufruire di bonus “no deposit” per iniziare a giocare senza investire nulla di tasca propria.

Doppia

Questo termine del glossario scommesse ha una doppia valenza semantica. Si può infatti chiamare “doppia” una giocata con due eventi, ma anche il pronosticare due risultati per uno stesso evento. Nel primo caso avremo ad esempio una giocata con Inter-Atalanta 1 e Juventus-Napoli X, nel secondo caso Juventus-Napoli 1X. Quest’ultima opzione è di derivazione “totocalcistica”, essendo infatti doppie e triple giocate previste –  e molto popolari – nel vecchio Totocalcio.

Doppia chance

Quella che era la vecchia doppia integrale nel Totocalcio, nelle scommesse è diventata “doppia chance”. Si tratta di una tipologia di giocata che rappresenta una variante sul risultato finale, nel quale si pronosticano due segni invece che uno. Si parla di “Doppia Chance In” quando si ritiene comunque favorita la squadra di casa (dunque 1-X), mentre la “Doppia Chance Out” prevede una prevalenza della squadra ospite (X-2). C’è poi la “Doppia chance In-Out”, che invece si sceglie quando si ipotizza che una partita non termini in pareggio (1-2).

Dutching

Altro termine di derivazione ippica. Si tratta di una strategia di gioco che prevede la suddivisione del budget previsto per una giocata su diverse quote all’interno dello stesso evento. Nelle corse dei cavalli in genere si esprimeva scommettendo su più cavalli all’interno della stessa corsa, con puntate proporzionate alla quota del cavallo stesso (più alte sui favoriti, più basse sugli sfavoriti). Nelle scommesse sportive ciò può accadere ad esempio con le quote antepost di un campionato, ma anche giocando più risultati esatti all’interno di una stessa partita.

E

Espulsione

Fa parte di un altro mercato in forte crescita, nelle scommesse sportive online: quello sulle sanzioni. L’opzione più popolare è “Espulsione sì/no”, che presenta sempre quote di un certo rilievo.

Evento

Si chiama convenzionalmente “Evento” qualunque competizione su cui sia possibile scommettere. In questo senso rientrano nella definizione di evento sia un singolo incontro che una competizione più lunga come un torneo, un campionato o una coppa.

Exchange

Per esteso “Betting Exchange”, si tratta di un mercato in enorme espansione, che rovescia la prospettiva delle scommesse classiche. Nel betting exchange non è più il bookmaker a offrire il gioco e le quote, ma è il giocatore stesso a diventare bookmaker “bancando” gli eventi sportivi, ovvero proponendo egli stesso delle quote che poi possono venire accettate da altri giocatori. Tale modalità è prevista in alcuni siti, che offrono questa possibilità trattenendo una commissione sul totale giocato.

F

Fantasy Sports

Chi non ha mai giocato al Fantacalcio? Da esso, in qualche modo, derivano i fantasy sports. Si tratta di competizioni o contest tra vari giocatori, ognuno dei quali forma una sua squadra virtuale “acquistando” atleti delle varie squadre di un dato campionato, per comporre la sua formazione titolare e quindi concorrere al punteggio in base alle prestazioni dei giocatori scelti.

Favorito

Parola dolce ma anche amara, nel glossario delle scommesse. Si chiama infatti favorito l’atleta o squadra che gode appunto dei favori del pronostico per un dato evento, nella valutazione del bookmaker. Il favorito ha in genere la maggiore probabilità relativa di successo rispetto agli altri concorrenti, e di conseguenza paga anche una quota mediamente più bassa. Giocare sui favoriti è tendenzialmente profittevole, ma anche fonte di notevoli dispiaceri e “rosicate” quando il pronostico non si concretizza.

G

GG/NG

Sorta di acronimo per “Gol/No Gol”. In teoria il termine completo sarebbe “Gol Gol/No Gol”, infatti si tratta di scommettere se in una partita di calcio segneranno entrambe le squadre (GG) oppure no (NG). In quest’ultimo caso, il NG risulterà vincente sia che segni una sola delle due squadre (es. 1-0) sia che la partita termini 0-0.

H

Handicap

Insieme ad Antepost è il più popolare termine di derivazione ippica nel glossario delle scommesse. Nelle corse dei cavalli, l’handicapper è colui che stima le potenzialità dei cavalli, in base alla categoria e alle prestazioni recenti, assegnando ad esso un determinato peso alla sella. Tale peso sarà tanto più alto quanto più sia marcata la superiorità di un certo cavallo sugli altri. Analogamente, nelle scommesse sportive si applicano handicap sugli atleti o squadre favorite, in termini che cambiano in base allo sport. Nel calcio l’handicap si traduce in gol, per cui la squadra favorita partirà con un handicap ad esempio di -1,5 gol. Nelle scommesse 1X2 con handicap, se questa squadra vincerà con almeno 2 gol di scarto allora pagherà il segno 1, se vincerà con un gol di scarto allora il segno vincente sarà X, mentre in tutti gli altri casi il segno vincente sarà il 2. Nel tennis l’handicap si pratica in termini di set o game, mentre nel basket si va sulla base di punti segnati.

Esiste anche l’handicap asiatico, detto “asian handicap”, che differisce perché presenta alcune possibilità di rimborso assenti nelle classiche scommesse a handicap.

K

Kelly (criterio)

Una serie di concetti preziosissimi da applicare, quando si tratta di gestire il denaro da destinare alle scommesse. Ne parliamo approfonditamente nella nostra guida sul bankroll.

L

Limite

Il concetto di limite è fondamentale nelle scommesse, già in quanto freno che ogni individuo dovrebbe essere in grado di mettersi, non solo in caso di perdita ma anche di vincita (nel primo caso si parla di “Stop Loss”, nel secondo di “Stop Win”). Tali limiti possono venire fissati e cambiati secondo le proprie esigenze, sul profilo del conto gioco. Oltre che soggettivo, il concetto di limite ha anche una applicazione oggettiva, poiché ogni bookmaker prevede dei limiti di vincita per ogni tipologia di giocata, in base ad alcuni criteri (numero di eventi pronosticati, moltiplicatore generato).

Live betting

Il frutto più importante dello sviluppo tecnologico legato al mondo delle scommesse. Con la diffusione di internet e delle connessioni veloci, il gioco in tempo reale ha preso sempre più piede presso gli appassionati. Le giocate live si differiscono da quelle “pre-match” proprio perché hanno luogo nel mentre un dato evento sta avendo luogo. Per saperne di più, qui c’è la nostra guida sulle scommesse live.

M

Marcatore

All’interno delle scommesse sul calcio è un mini-mercato in grande espansione di popolarità. Nelle scommesse pre-match (ma spesso anche live) si può scommettere sul fatto che un giocatore segni o meno durante un incontro, ma anche che segni per primo o per ultimo, che faccia doppietta o tripletta e così via.

Multigol (multichance)

Una variante interessante degli under/over di cui parliamo più avanti. Si tratta sempre di indovinare il numero di gol segnati in una partita (o da una singola squadra all’interno di una partita). Un classico esempio è: 0-1 gol, 2-3 gol, 4+. Il concetto di multichance si applica però anche in altri mercati oltre al gol, tra cui i risultati esatti. Nel risultato esatto multi-chance si può giocare, in un’unica scommessa, 1-0, 2-0 e 3-0, o 1-1, 2-2 e 3-3 e così via.

Multipla

Concettualmente parlando, una multipla è semplicemente una scommessa che preveda al suo interno pronostici su più di un evento. Il numero di eventi che è possibile scommettere varia di bookmaker in bookmaker, anche 20 o più. Inutile sottolineare che legare insieme un alto numero di eventi in una unica schedina apre la possibilità di vincite molto alte, ma di conseguenza le possibilità di vincere si riducono notevolmente. Per sapere di più su come funzionano le scommesse multiple, clicca qui.

P

Palinsesto

Semplicemente, l’offerta messa a disposizione dal bookmaker in relazione alle varie discipline sportive. Da cui il palinsesto calcio, basket, tennis e così via. Ad esempio, consultando la pagina delle quote sul calcio di bwin, si ha accesso a tutti i principali eventi calcistici su cui è possibile scommettere in quel dato periodo.

Parziale/Finale

Altro mercato interno a quello delle scommesse sul calcio, relativo al raffronto fra il risultato del primo tempo e quello finale. Se un incontro vede il primo tempo chiudersi sullo 0-0, per poi concludersi 2-0, il parziale/finale sarà X/1.

Passaggio turno

Sempre all’interno delle scommesse sul calcio, è una tipologia particolare che si “accende” ogni volta che si ha uno scontro a eliminazione diretta, sia esso in partita unica o in andata e ritorno (calcio), oppure in un playoff al meglio delle X partite (basket, volley), dove X è in genere 3, 5 o 7.

Payout

Nel calcolo delle quote delle scommesse sportive, il payout è il rapporto tra la probabilità di riuscita di un evento e la quota offerta dal bookmaker. Il risultato è sempre leggermente inferiore a 100, a causa della presenza del già citato aggio. Se ad esempio un bookmaker pratica un aggio del 5% su una data scommessa, il payout di quella stessa scommessa sarà del 95%.

Pre-match

Una volta erano l’unica tipologia di scommessa possibile, oggi rappresentano solo una faccia della medaglia, speculare alle scommesse live. Dove queste ultime riguardano un evento in corso di svolgimento, le scommesse pre-match sono tutte quelle che si effettuano prima che l’evento in questione abbia inizio.

Pronostico

Una delle parole più usate e fondamentali nella terminologia delle scommesse, deriva dal latino (prognòsticum) e ancora prima dal greco antico (prognostikón). In entrambi i casi il significato era “previsione”. Si parla infatti di pronostico quando, sulla base delle informazioni a disposizione, si formulano delle previsioni riguardo all’esito di un evento sportivo.

Puntata

L’unità di misura minima nel mondo delle scommesse sportive. Una puntata equivale a una singola giocata, sia essa su un unico evento, in multipla o in sistema.

Q

Quota

Forse il concetto principale, in un glossario di scommesse sportive. La quota offerta dal bookmaker determina la vincita potenziale che si realizzerebbe scommettendo su quell’esito. Il numero, che nel mercato italiano si esprime con un numero intero o decimale, è dato dalla probabilità stimata dal bookmaker per quel dato esito, meno il margine di guadagno (aggio) del bookmaker stesso. Qui spieghiamo un metodo molto rapido ed efficace per calcolare le quote delle scommesse.

R

Rimborso

Quando un evento su cui si è scommesso non viene giocato, solitamente genera un rimborso automatico da parte del bookmaker, che riaccredita l’importo della scommessa sul conto di gioco. Il consiglio è, ogni qualvolta si dovesse verificare una eventualità del genere, di controllare sui movimenti del proprio conto.

Una delle classiche cause di rimborso è l’impraticabilità del campo che cotringe al rinvio di un match (Getty Images)

Risultato esatto

Altro mercato interno alle scommesse sul calcio, che remunera molto bene ma è proporzionalmente difficile da indovinare. Nel risultato esatto bisogna infatti pronosticare il numero di gol totali segnati da ciascuna squadra: 1-0, 2-1, 3-4 eccetera. Più un risultato sarà “normale” o frequente, più bassa sarà la quota, più sarà eccezionale e più la quota salirà esponenzialmente.

Risultato finale

L’ABC delle scommesse sul calcio, la prima e ancora più popolare scelta su cui si orienta un potenziale scommettitore, ovvero indovinare se una data partita si concluderà con il segno 1, X o 2.

ROI

Acronimo per Return On Investment, misura il guadagno che si riesce a realizzare da un investimento. Nelle scommesse sportive calcolarlo è abbastanza semplice: (vincita totale dalle scommesse – costo totale delle scommesse giocate) / costo totale delle scommesse giocate.

S

Sanzioni

Si chiama così, su bwin, il mercato relativo ad ammonizioni ed espulsioni nelle partite di calcio.

Schedina

Termine “romantico” derivante dal Totocalcio, rappresenta la “cedola” che testimonia una giocata, sia essa singola, multipla o sistema. Ogni schedina riporta un identificativo generato da ADM, che ne certifica l’ufficializzazione e la catalogazione nel calcolatore centrale, ma è anche utile perché permette eventuali reclami su giocate contestate.

Set betting

Tipologia di scommesse riservata a sport come tennis e volley. Si tratta di indovinare il numero di set vinti da ciascun atleta o squadra, in un incontro.

Sfavorito

Detto anche “underdog”, è l’opposto del favorito, ovvero l’atleta o squadra che ha – nelle valutazioni del bookmaker – nettamente meno possibilità di successo in un dato incontro, rispetto all’atleta o squadra rivale.

Singola

Opposta alla multipla, è una giocata che comprende un singolo pronostico su un singolo evento sportivo.

Sistema

Se la multipla è una giocata con più eventi legati insieme al suo interno con obbligo di indovinare il 100% dei pronostici, il sistema è invece un frazionamento della quota investita per la scommessa in un numero di chance più ampio, che comprenda anche la possibilità di commettere uno o più errori. Per saperne di più c’è la nostra guida sui sistemi di scommesse.

Stake

Si suole chiamare “stake” l’entità dell’importo di una scommessa. Spesso, nei consigli dei tipster, si usa catalogarle in decimi per distinguerle in base alla probabilità che un evento riesca. Ad esempio uno stake 1/10 sarà indicativo di prudenza, uno stake 5/10 sarà invece relativo a un evento ritenuto molto più affidabile (in genere a quota piuttosto bassa).

Sure bet

Si chiama così una circostanza, estremamente improbabile, in cui lo scommettitore ottiene un guadagno a prescindere dal risultato di una partita. Tecnicamente è possibile quando il payout di un evento risulta superiore al 100%.

T

Testa a testa

Una sorta di unità di misura per le scommesse su sport che non comprendano il pareggio come risultato finale, in quanto prevede soltanto due esiti. Infatti è una scommessa consueta in discipline come Tennis, Basket, Volley, ma anche Formula 1 e MotoGP.

Tipster

Termine anglofono che indica un esperto di scommesse che, generalmente dietro pagamento, elargisce consigli su eventi ad alta probabilità di riuscita. Il mercato dei tipster è molto vasto, ma trovare tipster affidabili non è per niente facile.

Totalizzatore

In parole molto semplici, il totalizzatore è il moltiplicatore generato dalle singole quote di ciascun evento che abbiamo selezionato per la nostra giocata, moltiplicate una per una. Nell’altra applicazione del termine al mondo delle scommesse, le giocate a totalizzatore sono l’opposto a quelle “a quota fissa”. Nelle scommesse ippiche a totalizzatore la quota viene determinata solo una volta che la corsa in oggetto è partita, in base al volume globale delle giocate che viene così proporzionalmente ripartito come in una “torta”.

Tripla

Analogamente  a “doppia”, ha una doppia valenza semantica. Quella più antica è derivata dal Totocalcio, in cui si giocava la tripla “1X2” su partite particolarmente incerte. Nelle scommesse odierne, la tripla è semplicemente una scommessa con tre eventi giocati.

U

U/O

Sta per “Under/Over” ed è una delle tipologie di scommessa più utilizzate in assoluto, per la sua facilità di comprensione e applicazione. In italiano sta per “sotto/sopra” o per “meno/più” e consiste nell’indovinare se l’esito in questione sarà sotto o sopra una certa soglia predeterminata. L’applicazione di gran lunga più popolare è l’under/over 2,5 gol nel calcio, ma ci sono decine di variabili diverse già solo considerando il medesimo sport (u/o per le singole squadre, per i singoli tempi, per i calci d’angolo, le ammonizioni e così via). Nel tennis gli U/O si applicano a set, game e punti, nel basket ai punteggi totali di un match e delle singole squadre all’interno dello stesso match, e così via.

Underdog

Termine inglese per “sfavorito”.

V

Valore/Value

In sostanza si tratta di un termine che indica la profittabilità di una scommessa. Si parla di value bet in una giocata che ha una aspettativa di vincita consistente, in genere a causa di stime non perfette da parte del bookmaker. Ad esempio, se il bookmaker stima che una certa squadra abbia il 40% di possibilità di vincere una data partita, ma secondo noi quella possibilità è del 60%, avremo certamente la possibilità di effettuare una “value bet”.

Vantaggio

Altro termine per definire l’aggio, ovvero il margine di guadagno dei bookmaker. In generale, comunque, si parla di vantaggio (o anche in inglese “edge”) in un confronto fra due entità in competizione, siano esse giocatore vs bookmaker o giocatore vs giocatore.

Virtual betting

Mercato particolare, all’interno del quale si scommette su simulazioni virtuali di diversi sport, dalle partite di calcio alle corse dei cani. Si tratta di animazioni governate da un software che risponde a disposizioni di legge, sottoposto a certificazioni da parte di enti preposti.

 

BONUS BENVENUTO BWIN

Altri articoli della nostra Guida Scommesse:

 

Crediti immagine: Getty Images

X